Quantcast

Terrafino, da Sinistra civica ecologista un ‘no’ secco al polo della disabilità

Il partito: "Sarebbe invece utile progettare un vero campus per la formazione, formando un nuovo corpo sociale perfettamente integrato nella comunità"

“No al confinamento delle persone con disabilità nei vecchi e nuovi istituti”. Così Sinistra civica ecologista chiede alla Regione di a di avviare un confronto per convertire queste strutture in forme di residenzialità cosiddetta leggera, in co-housing, in appartamenti protetti, associati a percorsi di inserimento lavorativo e socialità. A preoccupare la lista è in particolare il progetto sul ‘polo’ di Terrafino a Empoli.

“La storia ci insegna che le persone con disabilità, soprattutto se intellettiva, i matti, i diversi, sono stati confinati in luoghi separati dalla città, nei manicomi e negli istituti o semplicemente chiusi in casa. Con la legge 180 del 1978, per le persone con sofferenza psichica, si aperta la possibilità di vivere in comunità. Ma in quale misura si è realizzata questa possibilità? – si chiede la lista -. Oggi, la pandemia ci ha ancor più svelato che centinaia di migliaia di persone vivono confinate dalla comunità, in questo anno sono state recluse, senza avere nessuna ‘colpa’ se non quella di essere diversi e avere bisogno di aiuto per vivere una vita normale. Infatti, coloro che vivono nelle cosiddette strutture, case famiglia o altre, non hanno potuto mai uscire né avere visite da marzo dell’anno scorso, tranne qualche faticosissimo spiraglio durante l’estate scorsa”.

“Bene ha fatto l’assessora regionale Serena Spinelli a chiedere e ottenere, a gennaio, la vaccinazione degli ospiti delle residenze per persone con disabilità, dimenticate dal piano vaccinale nazionale – va avanti Sinistra civica ecologista -. E bene ha fatto a spingere per un provvedimento nazionale per permettere, con le dovute procedure e precauzioni, le visite agli anziani e disabili nelle strutture. Cosa che si è realizzata due giorni fa con l’ordinanza del ministro Speranza. Ora spetta alla regione attuare questa riduzione della ‘distanza degli affetti’, in sicurezza. Più in generale, si propone alla Regione Toscana, come avevamo scritto nel nostro programma elettorale, di avviare un confronto su un piano di conversione delle strutture per anziani e per persone con disabilità, per forme di residenzialità cosiddetta leggera, in co-housing, in appartamenti protetti, associati a percorsi di inserimento lavorativo e socialità, nelle città e nei paesi, laddove la comunità
spontaneamente si forma e crea, altrettanto naturalmente, opportunità di occupazione e di relazioni sociali, proprio per coloro che hanno più difficoltà ad allacciarle rispetto ad altri”.

“Le risorse economiche dovranno essere destinate in prevalenza alla concretizzazione dei famigerati e mai avverati progetti di vita delle persone con disabilità, anziché nella costruzione e nella gestione di grandi strutture, come ampiamente prescritto dalle norme nazionali e regionali – va avanti la lista -. In particolare a Empoli, località Terrafino, su un terreno ai margini della città, persiste un progetto che ci preoccupa. In verità un primo progetto di ‘polo della disabilità’, che nel 2015 prevedeva circa 80 posti tra residenziali e i semiresidenziali, venne fermato da un movimento di cittadini, associazioni e forze politiche. Ne è stato fatto un aggiornamento, con l’abbattimento del numero dei posti per adeguarsi ai requisiti della legge 112. Tuttavia, si prospetta un ‘villaggio degli autistici’ ai margini della città, fortemente voluto dall’amministrazione e dalla Asl Toscana Centro, impropriamente chiamato ‘campus ‘come una sorta di all inclusive con due residenze, centri diurni, campo da calcetto, un anfiteatro, una piccola azienda agricole o altre attività occupazionali”.

“C’è rischio di contraddizione con i principi di inclusione delle persone disabili nella città, principi scritti in tutti i documenti nazionali, regionali e dalla Asl. Il ‘faraonico’ centro, ha la previsione di un notevole costo, 8.5 milioni. Mettiamo in guardia sul rischio di istituzione totale, pur in chiave moderna. Ci chiediamo se sia stata fatta un’adeguata analisi dei bisogni delle persone a cui è destinato, se sono stati definiti gli obiettivi considerando una progettualità di vita necessaria per ciascuna persona  con risorse sufficienti a sostenerli – va avanti Sinistra civica ecologista -. Il coordinamento regionale toscano delle associazioni per l’autismo e la Federazione italiana superamento handicap della Toscana, oltre a lamentare la mancanza di concertazione con il mondo associativo, si è schierato contro un progetto che rischia di mortificare le possibilità di aspirare alla migliore qualità di vita possibile, il diritto di avere desideri e di ambire alla loro realizzazione, da conquistare così faticosamente”.

“Vogliamo quindi verificare l’appropriatezza degli interventi finanziati con risorse pubbliche e mettiamo in evidenza la grande necessità di investire sugli operatori dei servizi per la salute mentale, indispensabili a supportare i progetti di vita. Ciò è essenziale proprio nel momento in cui la sofferenza psichica cresce, e, dopo anni di rovinose politiche dei tagli ai servizi pubblici. Si chiede di discutere come investire sulle persone in particolare con la formazione, a tutti i livelli. Sarà utile progettare un vero campus per la formazione, formando progressivamente un nuovo corpo sociale perfettamente integrato nella comunità. In questo senso sono già state presentate proposte ai soggetti ed istituzioni interessate – conclude la lista -. Come principio generale, siamo contro le nuove grandi strutture, in cui rinchiudere ogni speranza di emancipazione delle persone con disabilità. Dunque, rivediamo anche il progetto del Terrafino a Empoli e iniziamo un lavoro per la riforma e la conversione di quelli esistenti nella nostra regione e non solo, coinvolgendo i cittadini in tutte le forme di rappresentanza istituzionali e associative, riaffermando la necessità di ‘risposte diverse a bisogni diversi’. Per far avanzare una nuova speranza di progresso”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.