Quantcast

Petrucci (Fdi): “Tavolo di distretto, Deidda faccia un passo indietro”

Il consigliere regionale: "La sindaca indagata si autosospenda come forma di garanzia e rispetto verso l'intero comparto conciario"

È paradossale che la sindaca Deidda presieda il tavolo di distretto che ha all’ordine del giorno l’inchiesta Keu, nell’ambito della quale lei stessa risulta indagata. La procura la considera l’anello di congiunzione tra politica e imprenditori che avevano messo in piedi un sodalizio criminoso, la sindaca ha comunque deciso di rimanere al suo posto in municipio”.

Punta il dito sulla situazione il consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Diego Petrucci.

“Una situazione imbarazzante per gli stessi membri del tavolo di distretto – spiega – che non potranno sentirsi liberi di esprimere valutazioni e giudizi, dovrebbe fare un passo indietro e autosospendersi come forma di garanzia e rispetto per l’intero distretto conciario”.

“I silenzi della sindaca sono assordanti – conclude – purtroppo parla e anche forte la crisi del comparto tra ordinativi a picco, richiesta di cassa integrazione e 1400 posti di lavoro a rischio. C’è un’immagine da tutelare quella del distretto e delle centinaia di ditte serie, professionali ed eccellenti che lavorano per le grandi griffe”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.