Quantcast

Inchiesta Keu, Mallegni risponde a Soldi Mozzi: “Davvero vogliamo far morire il distretto?”

Il senatore di Forza Italia: “A noi interessano le imprese, al resto penserà la giustizia”

“Leggo con stupore l’attacco a me rivolto dal comitato Soldi Mozzi che combatte i fenomeni mafiosi nel Valdarno, dopo la mia uscita sull’inchiesta Keu (Qui)”. Lo afferma il senatore di Forza Italia Massimo Mallegni, che risponde al comitato antimafia (Qui).

“Sono dell’idea – ha detto Mallegni – di lasciar fare il proprio mestiere a chi lo sa fare e che la giustizia, e io ne sono l’esempio, con i propri tempi funziona e dobbiamo fidarci di essa. Io rappresento le istituzioni, ma allo stesso tempo sono anche un imprenditore e ciò mi permette di pensare solo a risolvere, nelle mie capacità, i problemi concretamente, o almeno provare a farlo. In questo momento il vero e unico problema sono le imprese e i lavoratori, vittime di un passato che non le ha tutelate e di un presente che le affossa ancora di più”.

“Per anni – incalza il senatore – i democratici hanno travolto la Toscana e l’inchiesta Keu è la dimostrazione di quanto i personalismi hanno prevalso sulla salvaguardia di imprese e lavoratori. A Forza Italia queste dinamiche non appartengono e l‘unica cosa che ci interessa è risollevare il commercio legato a questo settore, che si trova oggi in completa difficoltà. Vogliamo davvero far morire il distretto del cuoio più importante d’Italia? Vogliamo davvero, in un momento di crisi economica nazionale, far crollare ancora di più l’economia toscana? No, per noi di Forza Italia, che siamo abituati a lavorare senza sosta per risolvere le situazioni, sapere chi era d’accordo e chi no non è la priorità: le imprese lo sono. Quelle imprese che non vedono un futuro perché il solo nome associato a questa vicenda giudiziaria ha fatto in modo che i grandi marchi le escludessero dal mercato. Ecco, questo non possiamo permettercelo”.

“Consiglio quindi – conclude Mallegni – al comitato Soldi Mozzi, di cui ammiro i nobili scopi sicuramente, di farsi queste domande, più che conteggiare i politici corrotti degli anni ‘80. La politica, o almeno il nostro modo di fare politica, si basa solo ed esclusivamente sull’interesse e la tutela delle imprese, stando vicino ai lavoratori e di conseguenza ai cittadini. In questo momento, Forza Italia è vicina a queste imprese e farà di tutto per cercare di risollevare questo settore che oggi paga le conseguenze di anni di immobilismo politico da parte di un Pd che probabilmente ha pensato più ai propri interessi che a tutelare quel settore che fa della Toscana un’eccellenza in Italia”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.