Quantcast

Santa Croce, Oliveri traccia l’identikit del futuro sindaco: “Giovane, conosciuto e con esperienza”

Il consigliere comunale esclude una sua candidatura: "Preferisco restare in mezzo ai cittadini"

Enzo Oliveri non si candiderà a sindaco di Santa Croce sull’Arno. ‘Asma’, che ha da qualche mese il suo gruppo consiliare, guarda già alla prossima consiliatura, per individuare la miglior figura possibile da candidare a primo cittadino.

“Capita di leggere di persone – dice – che si propongano a sindaco di Santa Croce sull’Arno o commenti di cittadini santacrocesi che gradirebbero una determinata persona a guida del nostro comune in caso di nuove elezioni. Attualmente il primo cittadino di Santa Croce sull’Arno Giulia Deidda si è dimesso da presidente del Tavolo del distretto in quanto indagato per associazione a delinquere nell’inchiesta della Dda di Firenze, ma non dall’incarico di sindaco, nonostante le numerose richieste di dimissioni. Tutti i consiglieri di opposizione, compreso il sottoscritto, hanno avanzato più volte tale richiesta sia in consiglio comunale sia sui giornali. Tuttavia, la risposta di Giulia Deidda è stata quella di volere continuare a espletare il suo mandato di sindaco fino alla fine della legislatura. Quindi, le elezioni amministrative ci possono essere in due casi: se il sindaco si dovesse dimettere, oppure a scadenza naturale dell’incarico nel maggio del 2024″.

“Nonostante le numerose richieste che ricevo dai cittadini, io non mi candiderò a sindaco di Santa Croce Sull’Arno – dice –  Ringrazio le numerose persone che apprezzano il mio instancabile e quotidiano lavoro di opposizione da molti anni e che mi scrivono chiedendomi di candidarmi a sindaco alle prossime elezioni, confidando in me la massima fiducia. Tuttavia, preferisco rimanere in mezzo a tutti i cittadini che mi danno fiducia perchè spesso riesco a risolvere le problematiche che mi riferiscono, continuando a portare la loro voce e le loro necessità in consiglio comunale“.

“Santa Croce Sull’Arno – dice Enzo Oliveri – ha bisogno di un sindaco che sia una persona giovane in grado di far rinascere il nostro paese. Il futuro sindaco dovrà avere una vera e concreta esperienza politica, essere un moderato ed aperto con tutte le forze politiche che vorranno sostenere la sua lista, deve essere culturalmente preparato, con piena conoscenza delle problematiche del nostro territorio, conosciuto sia nel capoluogo sia nella frazione di Staffoli, senza problemi con la giustizia e che non si sia mai presentato come candidato a sindaco. Sono dell’opinione che oggi bisogna dare fiducia ai giovani. Credo che una figura di sindaco con queste caratteristiche con una lista di persone esperte nei vari settori può tranquillamente competere e battere qualsiasi candidato che la sinistra proporrà. Questo è il mio pensiero come cittadino e come consigliere comunale. A Santa Croce dopo tutti i gravi fatti che si sono verificati occorre al più presto che soffi una ventata di aria nuova con un volto conosciuto ma nuovo per la carica di sindaco”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.