Quantcast

Morte sul lavoro, Pd Santa Croce: “Bisogna lavorare a una cultura della sicurezza”

La politica si interroga dopo l'ennesimo incidente fatale: "La vita umana vale sempre che si investa sulla sua salvaguardia"

Morto sul lavoro a Santa Croce sull’Arno, interviene il Partito Democratico.

“Esprimiamo il nostro cordoglio alla famiglia – dicono i dem di Santa Croce sull’Arno – ma ci sentiamo, come Partito Democratico, che questo non è sufficiente. La nostra riflessione non ha a che fare solo con l’evento specifico su cui è stata aperta una doverosa indagine, ma vuole essere riferita al tema che è generale ed imprescindibile. In Italia abbiamo leggi che cercano di garantire la sicurezza sul lavoro. Eppure, anche negli ultimi mesi, abbiamo avuto notizia che queste leggi trovano un’applicazione formale che, in tante occasioni, è poi disattesa. Un caso tra tutti, quello della giovanissima madre di Prato finita stritolata perché il sistema di sicurezza era stato manomesso per aumentare la produttività”.

“Crediamo che le leggi non siano sufficienti – prosegue il Pd – che sia necessario lavorare a una cultura della sicurezza sul lavoro.  Per alcune misure sulla sicurezza stradale (casco e cintura di sicurezza per esempio) abbiamo visto le iniziali resistenze di una parte della popolazione ma un’attenta politica, tesa a creare cultura della sicurezza, ci ha portato, in tempi brevi, ad adottare queste misure superando esistenze che erano anche culturali. Bisognerebbe fare lo stesso tipo di operazioni per la sicurezza sul lavoro: formazione (si può fare in tanti modi, anche la buona pubblicità può fare buona formazione) per aumentare la coscienza dei rischi e delle opportunità, aperta a tutte le fasce della popolazione. Perché la vita umana vale sempre che si investa sulla sua salvaguardia“.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.