Quantcast

Ponte di Marcignana, Gandola: “La parola fine a una gestione discutibile dei lavori”

"Abbiamo dovuto assistere a continui rinvii che hanno portato a riaprire il ponte con ben 3 mesi di ritardo"

“Finalmente, dal 28 ottobre prossimo si metterà la parola fine a una gestione discutibile dei lavori. Fine ai mille disagi creati a pendolari e residenti per la chiusura del ponte di Marcignana ad Empoli”. Così Paolo Gandola, consigliere metropolitano di Forza Italia nel Centrodestra per il cambiamento, commenta la riapertura del ponte della Motta (qui la notizia).

“Il fatto – per il consigliere – che il sovrappasso abbia sempre svolto un ruolo strategico nel sistema viario dell’Empolese Valdelsa avrebbe dovuto richiamare le istituzioni e soprattutto la Città Metropolitana di Firenze a una gestione più ordinata e oculata dei lavori in corso e invece abbiamo dovuto assistere a continui rinvii che hanno portato a riaprire il ponte con ben 3 mesi di ritardo rispetto a quanto era stato previsto secondo gli ultimi cronoprogrammi”.

Con questa riapertura, aggiunge ancora Gandola, “si scrive finalmente la parola fine ad una storia infinita nata nel marzo 2019 quando si tenne la prima assemblea con i cittadini per informarli sulla chiusura e sullo stato ammalorato del ponte sull’Arno che unisce la frazione empolese di Marcignana a quella cerretese di Bassa. Da allora sono trascorsi 3 anni e solo nei prossimi giorni si potrà riaprire al traffico veicolare, in entrambi i sensi di marcia, il ponte realizzato all’inizio degli anni Cinquanta. Una tempistica che lascia francamente sconcertati”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.