Quantcast

Caos biglietti per il tpl con il nuovo gestore, mozione in consiglio regionale del M5S

Galletti: "Al centro la tutela dei viaggiatori e la protezione degli esercenti abilitati alla rivendita di biglietti e abbonamenti"

Il Movimento 5 Stelle ha presentato una mozione in consiglio regionale in merito alle problematiche per gli utenti e le rivendite di titoli di viaggio nel passaggio al nuovo gestore del servizio di trasporto pubblico locale regionale.

“Come avevamo previsto il passaggio al nuovo gestore del servizio di trasporto pubblico regionale è stato tutt’altro che indolore – scrive Irene Galletti, capogruppo M5S in consiglio regionale – per questo, dopo aver ascoltato i vari portatori di interesse, abbiamo deciso di protocollare una mozione con lo scopo di tutelare utenti finali e i rivenditori di biglietti”.

“Un’iniziativa che nasce a monte del clamore suscitato oggi dai vari disservizi di cui leggiamo su tutti i quotidiani – evidenzia la pentastellata – e lo dimostra la data di protocollo del nostra atto, depositato il 21 ottobre scorso e frutto di un lungo percorso di studio e confronto. Qualcosa che in definitiva poteva essere previsto e scongiurato anche dalla giunta, se le ragioni di edicole e tabacchi non fossero rimaste inascoltate”.

“Queste attività – attacca Galletti – oggi vivono nell’incertezza di non sapere se il loro ruolo di rivenditori sarà garantito anche nel prossimo futuro. Incertezza che si ripercuote anche sull’utenza del trasporto pubblico su gomma, che fatica a trovare biglietti validi e informazioni corrette sulle modalità di erogazione del nuovo servizio. Tutte responsabilità dalle quali la Regione non può smarcarsi”.

E conclude: “Per porre rimedio a tutto questo abbiamo presentato un impegno per il presidente Eugenio Giani e per la giunta regionale, che pone l’attenzione su due aspetti fondamentali: la tutela dei viaggiatori e la protezione degli esercenti abilitati alla rivendita di biglietti e abbonamenti. Un atto di buon senso che salvaguarda la continuità del servizio di trasporto pubblico locale e la funzione capillare delle edicole e dai tabacchi in tutto il territorio toscano”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.