Quantcast

“Disavanzo riassorbito e nessun correttivo”, il sindaco risponde alla Lega

“La Corte dei Conti non ci ha contestato la determinazione del risultato di amministrazione 2018 nel suo complesso, come la Lega vorrebbe far credere, bensì il vincolo sull’importo destinato a spese d’investimento che, nell’ipotesi prospettata dalla Corte, avrebbe dovuto essere di 110.532,57 euro invece di 100.067,93 euro”. Lo sottolinea il sindaco di San Miniato Simone Giglioli, che attualmente ricopre anche la delega al bilancio, replicando alla Lega (qui la posizione) che “ritiene che questa irregolarità avrebbe compromesso l’intero bilancio di esercizio”, affermazione completamente smentita dal primo cittadino.

“Il consiglio comunale – spiega il sindaco – aveva deliberato di destinare tutti i fondi liberi al finanziamento di altro e si è determinato quindi un disavanzo di 10.464,64 euro su un risultato di amministrazione di 19.223.101,60 euro. Il disavanzo di 10.464,64 euro al centro della questione, risulta completamente riassorbito dalla gestione dell’anno 2019, tanto che, la magistratura contabile non ha ritenuto necessario adottare specifici interventi correttivi, un’affermazione che fuga ogni dubbio sul fatto che l’influenza di quanto rilevato dalla Corte dei Conti avesse avuto il benché minimo riflesso sugli equilibri contabili del bilancio.

Mi dispiace, ancora un volta, replicare alle accuse del consigliere Ferraro portando fatti e non parole. La materia del bilancio si basa su regole molto precise che non lasciano spazio a troppe interpretazioni politiche, regole che, però, è opportuno conoscere per non cadere in errore. Il nostro è un Comune solido, che ha un bilancio sano e in equilibrio, frutto di scelte politiche mirate e consapevoli portate avanti ormai da molti anni, intendiamo proseguire in tal senso, lasciando da parte simili polemiche senza fondamento”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.