Quantcast

Aumentano Imu e Tari, Centrodestra per Castelfranco: “Nessuna vicinanza a cittadini e imprese”

Sgueo: "Gli aumenti non corrispondono a un servizio accettabile verso i cittadini"

“Nell’ultimo consiglio comunale di Castelfranco di Sotto, la maggioranza ha deliberato un aumento di Imu e Tari, lasciando pressoché invariata l’Irpef”. Lo racconta il gruppo Centrodestra per Castelfranco poiché ritiene che, visto il particolare periodo di crisi, “sarebbe stata auspicabile una diminuzione della pressione tributaria che, anche se minima, sarebbe stata un bel segnale verso coloro che, già colpiti duramente dalla pandemia, ora si trovano a dover fare i conti anche con la crisi dovuta al conflitto in Ucraina”.

“Sulla Tari – afferma il consigliere Sgueo – gli aumenti paiono dietro l’angolo ogni anno. Persino Confcommercio ha fatto un appello a tutti gli organi di competenza, comprese le amministrazioni comunali. Peraltro, non crediamo che tali aumenti corrispondano spesso ad un servizio accettabile. Il cittadino, poi, è penalizzato anche dai costi di chi non paga. Ad ogni modo questa gestione monopolistica che tende a cambiare spesso i metodi di calcolo è preoccupante. Com’è preoccupante che la politica, anche in questo frangente, si vede imporre dall’alto decisioni spesso cogenti”.

“Nessuna vicinanza dell’amministrazione ai cittadini e alle imprese – ribadisce la consigliera Ghiribelli -. L’Irpef continua ad essere applicata con una unica aliquota determinata nella misura massima anche a chi supera di pochi euro la soglia di esenzione (che rimane comunque ancora troppo bassa). Lo stesso dicasi per l’Imu, che ha visto un aumento a carico di alcune categorie di immobili (in particolare quelli destinati ad attività produttive). Infine, grande preoccupazione desta il vertiginoso aumento della Tari, che conferma le obiezioni che avanzammo quando fu discusso il passaggio a Retiambiente”.

I consiglieri di opposizione Ghiribelli, Colombini e Sgueo, poi, contestano all’amministrazione comunale l’inadeguata gestione dell’internalizzazione dei servizi in passato erogati dall’Azienda Speciale Servizi Pubblici Locali: “oggi – spiegano – i cittadini, le imprese e le associazioni, ad esempio, non possono usufruire del servizio affissioni, dal momento che lo sportello gestito dall’azienda è stato chiuso e gli uffici comunali non sono stati ancora riorganizzati per garantire la continuità dell’erogazione”. Ciò è estremamente grave secondo il gruppo consiliare Centrodestra per Castelfranco, poiché “non solo impedisce a chiunque abbia interesse di pubblicizzare la propria attività ma, soprattutto, fa perdere al Comune gli introiti della relativa imposta. Infatti, secondo il gruppo, dopo due anni di pandemia, sono molte le associazioni comunali e del comprensorio che sono tornate ad organizzare manifestazioni ed eventi e che per i commercianti si avvicina il periodo dei saldi, quindi è facile comprendere la gravità delle conseguenze anche economiche di un tale disservizio”.

Anche se una credibile, moderna e valida soluzione può essere la pubblicità su un giornale on line (per info: commerciale@ilcuoioindiretta.it).

“Abbiamo interrogato l’amministrazione – conclude Ghiribelli – per sapere per quanto tempo ancora i cittadini e le imprese dovranno sopportare i disagi conseguenti alla sua palese incapacità di gestire adeguatamente questo passaggio di consegne, nella speranza che il servizio venga ripristinato il prima possibile”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.