Lambertucci (Per un’altra Santa Croce): “Efficientamento energetico, siamo in ritardo di sei anni”

Il capogruppo di opposizione: "Quando si decideranno gli industriali ad abbandonare questa amministrazione incompetente e lumaca?"

“Il sindaco Deidda si bea di un intervento di efficientamento tardivo di sei anni ma il paese è ostaggio del degrado e pieno di buche. Quando si decideranno gli industriali a scaricare quest’amministrazione incompetente per avere un paese finalmente degno della sua storia?”. Così la pensa Alessandro Lambertucci, capogruppo di Per un’altra Santa Croce.

“Certo, come dice il sindaco Deidda – spiega Lambertucci – ieri (18 luglio) è stata una data storica per Santa Croce perché son partite le opere di efficientamento energetico. Quello che però non sentirete mai dire dal sindaco e dalla sua giunta è che, dopo anni di immobilismo ed essere ormai diventato l’ultimo paese del circondario a provvedervi, tutto questo è avvenuto perché incalzati dall’opposizione più e più volte. Negheranno, questo si, ma a parlare e testimoniare i fatti ci sono i consigli comunali e le interpellanze e le mozioni da noi presentate. Ai santacrocesi dico documentatevi, è un vostro diritto, e svegliatevi dal torpore, dall’abbattimento e dalla frustrazione creati da questa amministrazione. Lottiamo insieme con determinazione per ottenere il paese che meritiamo”.

“L’intera zona industriale e buoni tratti delle strade dal nostro capoluogo e della frazione – prosegue il leader dell’opposizione – sono pieni di buche, di marciapiedi sporchi, rotti e infestati dalla vegetazione. Sul fronte dei rifiuti si verificano continuamente abbandoni di ogni tipo. Tale situazione è intollerabile ed è stata segnalata più volte dai cittadini all’amministrazione comunale, al comando dei vigili urbani e agli addetti al servizio di raccolta. Si assiste ad un inutile rimpallo delle responsabilità e l’effetto è sotto gli occhi di tutti. Sporcizia e degrado aumentano. Si sbandierano come grandi conquiste interventi feticcio come la nuova pista ciclabile che si sta realizzando in autobloccanti che, qualora non sarà adeguatamente interessata da un’attenta manutenzione periodica, in breve tempo andrà a fare compagnia a buona parte dei beni pubblici di questo paese lasciati al degrado e al pericolo”.

“Mi domando che cosa aspettano gli industriali – conclude – a scaricare anche loro quest’amministrazione incompetente e lumaca che non fa altro che mortificare le grandi potenzialità santacrocesi e la popolazione del nostro paese ed a voltare finalmente pagina”.

 

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.