Pd, sorprese nelle liste per il territorio del Cuoio. Bonafè in lizza per la Camera, all’uninominale per il Senato c’è Marcucci

Approvate le candidature nel cuore della notte: un nome della coalizione per l'uninominale per Montecitorio

Una lunga attesa, fatta di ben tre rinvii, poi la fumata bianca nella notte. Il lungo Ferragosto al Nazareno si è concluso con l’approvazione delle liste del Pd per le elezioni legislative del prossimo 25 settembre con non poche sorprese. E uno strascico di polemiche dai territori che si sentono poco rappresentati dalle candidature.

Per quello che riguarda il comprensorio del Cuoio, una delle sorprese riguarda la candidatura per il collegio uninominale per la Camera: la direzione nazionale del Pd ha deciso di riservarla ad un candidato di coalizione: ciò potrebbe significare dunque anche un esponente del movimento di Di Maio oppure un rappresentante di Sinistra Italiana e Verdi.

Per il plurinominale alla Camera guida la lista dei nomi dem Simona Bonafè, seguita da Arturo Scotto, Caterina Bini e Stefano Ceccanti.

Un’altra sorpresa riguarda il collegio uninominale del Senato che vede Pisa insieme a Livorno e parte della Versilia: il candidato dem è il senatore uscente Andrea Marcucci. Una candidatura blindata la sua. Per completare il quadro nel Cuoio, c’è da aggiungere il collegio uninominale 4 per il Senato, che comprende Fucecchio, e dove il Pd ha scelto di riservare la candidatura a un membro di coalizione.

Per il plurinominale del Senato guida Dario Parrini, seguito da Ilenia Zambito, Silvio Franceschelli e Caterina Biti.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.