Le rubriche di Cuoio in diretta - Cinema e tv

Tolo Tolo, l’amara ironia di Checco Zalone

Francesco Andreini di Project Movie commenta il film del momento

Più informazioni su

Parlare di Checco Zalone e del suo cinema adesso è più difficile delle sue prime apparizioni (Cado dalle nubi, il primo film, è del 2009, Quo Vado, l’ultimo è del 2016).

Checco è, nel frattempo, e con pieno merito va detto, diventato la punta di diamante del nostro cinema d’intrattenimento. Grandi erano le attese per Tolo Tolo, il suo nuovo lavoro di cui è stavolta anche regista, mentre la sceneggiatura è scritta a quattro mani con Paolo Virzì.

Non era facile parlare d’immigrazione riconoscendo il carattere attuale del tema ma Checco ci si è buttato a capofitto, realizzando un film che tocca tanti aspetti del fenomeno senza offendere nessuno, non tralasciando situazioni e battute apparentemente poco comiche ma che in realtà celano, senza sfuggire ad un occhio attento, l’amara ironia di situazioni reali.

Continuo la mia disamina nella recensione su Project Movie.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.