Quantcast

Le rubriche di Cuoio in diretta - Cinema e tv

Un amico straordinario, un film che sa emozionare

Marco Andreini di Project Movie lo ha visto per noi

Tratto dall’articolo Can You Say… Hero? di Tom Junod, pubblicato su Esquire nel 1998, Un amico straordinario è un film che sa emozionare in un modo sorprendentemente banale: è il racconto puro e semplice di uno spiazzante incontro vissuto attraverso gli occhi, increduli, di un protagonista che è ancora profondamente turbato dal suo passato.

Trovarsi di fronte una persona così integra e incontaminata innescherà una profonda introspezione nei cupi meandri di un’animo tormentato. La dolcezza e l’umiltà di Fred Rogers insegneranno a Lloyd che non è mai troppo tardi per ricordare a noi stessi come anche noi, un tempo, siamo stati bambini.

Continuate qui la lettura della recensione di Project Movie a cura di Marco Andreini.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.