Le rubriche di Cuoio in diretta - Cinema e tv

Tenet, il ‘rompicapo definitivo’ di Cristopher Nolan

La recensione di Marco Andreini di Project Movie

“Il tempo sta per scadere…”. In questo anno maledetto Cristopher Nolan si è battuto a lungo per far uscire il suo film Tenet e ha già ottenuto forse il suo successo più grande: far tornare il pubblico in sala.

Presentandosi come un film di fanta-spionaggio ma riempito di sequenze d’azione innovative e difficili anche solo da pensare, Tenet ci mette nei panni del “protagonista” senza nome interpretato da John David Washington e ci porta in un nuovo tipo di guerra fredda, scaraventati in un adrenalinico intrigo internazionale dove è la manipolazione del Tempo l’elemento chiave.

Ancor più dei suoi precedenti, l’ultimo film di Nolan è un rompicapo continuo perché è “studiato al secondo” e ogni scena che vediamo, persino i dialoghi, ha un ruolo necessario.

Tenet forse non è il “film palindromo” che in molti avevamo ipotizzato (forse abbiamo preteso troppo persino da uno come Nolan) ma non credo di esagerare nel dire che, in ogni caso, il suo arrivo nel mondo del cinema si farà sentire: se da una parte giocare con “l’inversione” crea sequenze dall’impatto visivo straordinario e al tempo stesso realistico, dall’altra questo regista, come ha già fatto in passato (penso a Memento), si inventa un nuovo modo di raccontare una storia muovendosi su un terreno in cui si trova ormai perfettamente a suo agio, il Tempo.

Non voglio nascondervi che, in questo momento storico di grande difficoltà anche per il cinema, è stato emozionante tornare in sala dopo un lungo digiuno e trovarsi di fronte un film così spettacolare nel vero senso della parola. Perché in fin dei conti è questa la cosa più importante, questa è la potenza del cinema, ed è questo che più mi ricorderò di Tenet.

Tenet è il “rompicapo definitivo” di Christopher Nolan… continuate la lettura della recensione a cura di Marco Andreini di Project Movie.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.