Quantcast

Le rubriche di Cuoio in diretta - LIfe&People

Festa della Liberazione, a Fucecchio sarà esposta una riproduzione di Guernica

Sarà collocata in piazza XX settembre. Il presidente dell'associazione Colori in corso Claudio Occhipinti: "Vogliamo lanciare un messaggio di pace attraverso l'arte"

Ricordare gli orrori del nazifascismo nel secolo scorso, con le uccisioni, le deportazioni e le città distrutte, per lanciare un messaggio di pace sempre più urgente e necessario  visto quanto sta accadendo di nuovo in Europa con l’invasione russa dell’Ucraina. E’ con questo intento che il Comune di Fucecchio, insieme all’Anpi, allo Spi-Cgil e al gruppo #fucecchioèlibera, promuove le celebrazioni della Festa della Liberazione di questo lunedì (25 aprile).

Non solo le istituzioni, con il ricordo degli episodi che portarono alla Liberazione dell’Italia, saranno protagoniste dell’evento in programma questo lunedì alle 10 in piazza XX settembre: un contributo originale verrà anche dal mondo dell’arte e dell’associazionismo. L’associazione Colori in corso, infatti, esporrà una riproduzione realizzata dai propri artisti di una delle più celebri opere di Pablo Picasso: Guernica, il quadro del grande artista spagnolo del XX secolo che fece scoprire al mondo gli orrori di cui si macchiarono i nazisti tedeschi nel 1937 quando, appoggiando il generale Franco contro il legittimo governo repubblicano spagnolo, bombardarono la cittadina basca di Guernica. Il contributo dell’associazione Colori in corso, sempre molto impegnata sui temi della memoria e della pace, vuol essere un’occasione di riflessione in un momento così particolare per l’Europa e per il mondo intero. 

“Tutti siamo stati colpiti da questa guerra in Ucraina e dai bombardamenti che uccidono la povera gente – dice Claudio Occhipinti, presidente dell’associazione Colori in corso – e così abbiamo pensato di lanciare un messaggio di pace attraverso l’arte. Abbiamo riprodotto il famoso quadro di Picasso su una tavola che misura 4 metri per 1,5 e che porteremo alla manifestazione insieme ad uno striscione con l’immagine di una colomba ferita e a testa in giù. La riproduzione di Guernica, che è un simbolo di tutti i pacifisti del mondo, l’abbiamo realizzata a 10 mani e vuol esprimere la nostra condanna a questa guerra oscena che sta insanguinando l’Europa nel 2022. Siamo contro la guerra e siamo a favore della resistenza che è giusta e legittima oggi in Ucraina come giusta fu quella dei nostri partigiani durante il regime fascista e la seconda guerra mondiale. Lunedì prossimo proporremo ufficialmente all’amministrazione comunale di esporre questo grande quadro nella sala del consiglio fino a quando ci sarà la guerra in Ucraina”. 

Il programma

Le celebrazioni per la Festa della Liberazione prevedono la deposizione di una corona di alloro alle 10 al Monumento ai caduti in piazza XX settembre alla presenza del sindaco Alessio Spinelli e della giunta comunale, delle associazioni e dei cittadini. Proseguiranno poi con un pranzo alle 13 al Circolo di torre organizzato dall’Anpi di Fucecchio, in collaborazione con lo Spi-Cgil, la sezione soci Coop di Fucecchio, la Pubblica assistenza, marzo8puntozero e l’osteria San Gregorio.

 

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.