Le rubriche di Cuoio in diretta - in Regione

Regione e Dsu finanziano l’alta formazione: fino a 4mila euro per laureati under 35

I richiedenti devono aver conseguito una laurea specialistica o magistrale, in Italia o anche all’estero, e devono essere residenti in Toscana

La Regione Toscana, nell’ambito del progetto Giovanisì, promuove, attraverso l’azienda regionale per il diritto allo studio universitario, il bando voucher per l’alta formazione in Italia a sostegno dell’iscrizione di giovani laureate e laureati toscani fino a 35 anni con un Isee universitario non superiore a 36mila euro a master di primo e secondo livello in Italia per l’anno accademico 2020-2021, attraverso l’erogazione di un voucher per la copertura totale o parziale delle spese di iscrizione, fino ad un importo massimo di 4mila euro.

Le richiedenti e i richiedenti devono aver conseguito una laurea specialistica o magistrale, in Italia o anche all’estero e devono essere residenti in Toscana. I giovani laureati non devono aver usufruito del voucher regionale per l’Alta formazione in Italia per l’anno accademico 2019-2020. Il voucher finanzia le spese di iscrizione a master di primo e secondo livello da svolgersi in Italia, se erogati da università o istituti di alta formazione in possesso del riconoscimento del Miur che li abilita al rilascio del titolo di master.

“E’ con provvedimenti di questo tipo – spiega l’assessora regionale con delega a università e formazione, Alessandra Nardini – che intendiamo promuovere l’alta formazione post universitaria, così da qualificare ulteriormente e specializzare le nostre giovani laureate e i nostri giovani laureati, affinché possano fare ingresso nel mondo del lavoro, trovando attività adeguate e coerenti al titolo di studio conseguito. La scelta di riservare questa opportunità a coloro che non superano un certo reddito, ci consente di applicare l’articolo 34 della Carta costituzionale, secondo il quale ‘i capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi’. Non a caso sono state proprio le madri e i padri costituenti a precisare che ‘la Repubblica rende effettivo questo diritto con borse di studio, assegni alle famiglie ed altre provvidenze, che devono essere attribuite per concorso”.

In questo caso i master, a cui si fa riferimento, devono essere di durata almeno annuale o prevedere il rilascio di almeno 60 Cfu, devono iniziare o essere iniziati nell’anno accademico 2020-21 e non essere conclusi al momento della presentazione della domanda, per terminare, con il rilascio del titolo di master, entro il 30 giugno 2023.

Per le istruzioni circa le modalità e i documenti da produrre per presentare la domanda (che va inviata all’Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario) si possono consultare le pagine https://giovanisi.it/bando/alta-formazione-voucher-per-master-in-italia-2020-21/ oppure utilizzare il numero verde 800.688.306 dedicato all’assistenza tecnica sulla procedura online o quello (800.098.719) dell’ufficio Giovanisì della Regione Toscana, contattabile anche attraverso la mail info@giovanisi.it

Il termine per la presentazione delle domande scade il 31 dicembre prossimo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.