Quantcast

Le rubriche di Cuoio in diretta - in Regione

“Legge contro l’omotransfobia da approvare”, ok dal consiglio regionale alla mozione M5S

Contrari Lega e Fratelli d'Italia, assente il consigliere di Forza Italia

La giunta si deve attivare affinché “la proposta di legge cosiddetta Zan venga discussa e votata in Senato quanto prima”. Lo chiede una mozione, presentata dalla consigliera Irene Galletti (M5s), che è stata approvata dal consiglio regionale con il voto contrario dei gruppi di Fratelli d’Italia e Lega (Stella di Forza Italia non era presente al voto). L’atto di indirizzo chiede alla giunta di attivarsi anche “per istituire una giornata contro l’omofobia, la lesbofobia, la bifobia, la transfobia e l’abilismo”.

“Spero che la mozione sia condivisa da tutti – ha detto in aula Irene Galletti illustrando l’atto, – perché so che tocca la sensibilità di tutti, anche se nel dibattito nazionale ho sentito parlamentari della Lega e la segretaria Meloni affermare che questa legge, in questo momento, non è una priorità”. Galletti ha contestato queste affermazioni, sottolineando che i parlamentari sono centinaia e che non tutti sono impegnati, con le loro commissioni, ad affrontare i temi legati all’emergenza imposta dalla pandemia. “Questa legge – ha aggiunto – è invece una priorità, perché si parla di diritti delle persone. Serve perciò che sia calendarizzata il prima possibile”.

Alessandro Capecchi (Fratelli d’Italia) ha definito “complesso” il tema sollevato dalla mozione e ha affermato che “i diritti delle persone sono indiscutibili”. Tuttavia ha aggiunto che “nonostante i parlamentari siano molti, questa non è la priorità ed è giusto che si concentrino sui problemi economici che la pandemia ha fatto esplodere”. Inoltre, ha sottolineato, “la difesa dei diritti, che è sacrosanta, è comunque già garantita dalle norme in vigore, mentre il disegno di legge Zan introduce il reato di opinione e questo è un confine che le leggi non dovrebbero mai superare”.

Galletti ha replicato sostenendo che una parte del parlamento, e in via prioritaria la commissione chiamata a calendarizzare l’atto “può procedere, perché non ha competenze dirette sui temi dell’emergenza sanitaria ed economica in corso”.

Sulla necessità di procedere verso la discussione della votazione del disegno di legge si è pronunciata anche Cristina Giachi (Pd), sottolineando che “la legge non vuole perseguire le opinioni delle persone, ma i responsabili di fatti di violenza, come ad esempio quelli avvenuti nella metropolitana di Roma”. Ha perciò dichiarato il voto favorevole del suo gruppo.

Capecchi, annunciando il voto contrario di Fratelli d’Italia, ha sottolineato che “nella legge si parla di perseguire ogni atto di incitamento alla discriminazione sessuale. E questa formulazione lascia all’interpretazione di ogni magistrato la facoltà di perseguire qualsiasi opinione”.

Soddisfazione, dopo il voto, da parte di Irene Galletti del Movimento Cinque Stelle: “Esprimo grande soddisfazione per un risultato che traccia il passo sulla strada dei diritti civili: grazie all’approvazione del nostro atto la Regione Toscana sosterrà la legge contro l’omolesbobitransfobia, spingendo affinchè venga al più presto calendarizzata in Senato. Siamo probabilmente la prima Regione a dichiararsi apertamente e ufficialmente con un atto a favore della tutela dei diritti civili verso la comunità Lgbtqia+”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.