Quantcast

Le rubriche di Cuoio in diretta - in Regione

La Costituzione a scuola, la consigliera Galletti (M5S) dagli studenti di Cascina foto

Il presidente del consiglio regionale Antonio Mazzeo ha spiegato il senso dell’iniziativa

Più informazioni su

Giornata con tanti appuntamenti per i consiglieri della Regione Toscana impegnati nell’iniziativa ‘La Costituzione nelle scuole’, con l’obiettivo di portare la Carta Costituzionale e lo Statuto regionale agli studenti.

Il presidente del Consiglio regionale Antonio Mazzeo, insieme al consigliere Fausto Merlotti (Pd), ha fatto visita agli studenti del Liceo Scientifico Russell Newton di Scandicci, in provincia di Firenze, poi con il consigliere Francesco Torselli (Fratelli d’Italia) ha incontrato a Firenze i ragazzi dell’istituto tecnico e del liceo linguistico Marco Polo. La consigliera Irene Galletti (Movimento 5 stelle) era a Cascina, in provincia di Pisa, dove, insieme al sindaco Michelangelo Betti e all’assessore all’istruzione Claudio Loconsole, ha consegnato la Costituzione e lo statuto regionale agli studenti di due classi del liceo artistico Russoli e del linguistico Pesenti.

Il presidente Mazzeo ha spiegato il senso dell’iniziativa: “Abbiamo voluto come Consiglio regionale portare la Costituzione e lo Statuto della Toscana ai maturandi per due motivi. Il primo è che sentiamo forte il dovere, come rappresentanti delle istituzioni, di fornirgli uno strumento in più da inserire nella loro cassetta degli attrezzi nel momento in cui, conclusi gli studi superiori, si apprestano a entrare in una nuova fase della propria vita. Per questi nuovi cittadini toscani sarà utile avere un vademecum dei propri diritti e doveri. Il secondo è che vogliamo mostrargli la vicinanza delle istituzioni dopo un periodo per loro molto complicato rappresentato dall’isolamento necessario per la pandemia”.

“Sono orgoglioso – ha aggiunto Mazzeo – che la Toscana sia stata fra le prime regioni a far riaprire le scuole e a costruire le condizioni per lo svolgimento delle lezioni in presenza. Ma è indubbio che le nostre ragazze e i nostri ragazzi abbiano pagato a caro prezzo i costi sociali della pandemia. Il fatturato di un’azienda può essere almeno in parte compensato dai ristori, ma la mancanza di socializzazione, l’incontro con i compagni di classe e con i professori, il confronto quotidiano in aula delle nostre ragazze e dei nostri ragazzi non potrà mai essergli restituito. Ed è per questa ragione che, come Consiglio regionale, vogliamo aprirci sempre di più a loro per ascoltarli, cercare di capirli e soprattutto produrre le risposte necessarie a garantirgli un futuro in cui possano fare emergere tutte le loro energie, tutte le loro intelligenze, tutte le loro passioni”.

Il consigliere Francesco Torselli ha detto di avere abbracciato con piacere l’iniziativa promossa dal presidente del Consiglio regionale. “Riteniamo doveroso – ha aggiunto – che la Costituzione non resti un codice appannaggio di storici, giuristi e accademici, ma che torni a rinfrescare le menti di tutti, per un confronto libero, democratico ed egualitario. Lo studio delle leggi fondamentali del nostro ordinamento deve essere reintrodotto in ogni scuola durante l’ora di educazione civica. Ne va del bene comunitario, della formazione dei ragazzi e del futuro del nostro Paese”.

Per il consigliere Fausto Merlotti:La consegna della Costituzione e dello Statuto della Regione è stato un gesto emozionante e denso di speranza verso il futuro. Ringrazio il presidente Mazzeo e la presidente del Consiglio comunale di Scandicci, Loretta Lazzeri, per aver preso parte all’iniziativa in occasione della Festa del 2 giugno tenutasi in una delle scuole più grandi, in termini numerici, dell’area metropolitana fiorentina. L’incontro è stato un’occasione preziosa per ricordare alle studentesse e agli studenti del Liceo Scientifico ad indirizzo sportivo che si apprestano ad affrontare l’esame di maturità quanto sia importante, nel percorso di studi, così come nella vita di ogni giorno, il rispetto delle regole, la solidarietà, la condivisione degli obiettivi: la difesa dei valori e dei diritti che la nostra Carta Costituzionale racchiude”.

La consigliera Irene Galletti si è rivolta agli studenti spiegando che il consiglio regionale fa dono della Costituzione e dello Statuto regionale “perché i valori in essi contenuti siano lettera viva e viaggino con le vostre gambe e nelle vostre menti, che rappresentano il futuro di un intero Paese”. Poi ha aggiunto: “La Costituzione ci ricorda ogni giorno i valori sui quali ha deciso di fondarsi l’Italia dopo il drammatico secondo conflitto mondiale. Una Carta nata dalla comunione di intenti per una rinascita equa e solidale di tutti i cittadini. Questa Carta va alimentata con rinnovato impegno ogni giorno, da ciascuno di noi, perché non rimanga lettera morta, come diceva Piero Calamandrei, ripreso poi da Sandro Pertini. E la alimentiamo nell’esercizio del nostro lavoro, nelle aule di scuola e delle università, nelle attività di solidarietà sociale, nell’esercizio della politica e dell’amministrazione, nella libertà con la quale grazie anche a questa Carta ci viene permesso di esprimerci liberamente in tutte le forme della vita privata e sociale, sempre riconoscendo agli altri gli stessi identici diritti e doveri”

Nella mattinata di sabato scorso il consigliere Gianni Anselmi, accompagnato dal sindaco di Portoferraio Angelo Zini e dal presidente della Conferenza zonale educazione ed istruzione – zona Elba, Chiara Marotti, ha consegnato alcune copie della pubblicazione della Regione negli istituti Cersoni e Foresi di Portoferraio.

Il consigliere Anselmi ha sottolineato come “entrare nelle scuole assume un significato del tutto particolare: la prima comunità in cui si esercitano i diritti ed i doveri, si condividono valori e si sperimenta l’essere cittadini attivi e consapevoli”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.