Le rubriche di Cuoio in diretta - in Regione

A Toscana Aeroporti 10 milioni per i danni subiti a causa della pandemia

Entro tre mesi dall’erogazione della somma la società dovrà trasmettere una relazione dettagliata e una rendicontazione certificata sull'utilizzo delle risorse

Mano tesa a Toscana Aeroporti per i danni subiti l’anno scorso, tra marzo e giugno, per via dello stop ai voli e ai viaggi dovuti al lockdown e all’emergenza sanitaria.

A fine luglio di quest’anno la giunta regionale, in attuazione della legge toscana che aveva stanziato le somme, ha approvato l’ultima delibera e adesso è pronto anche  il decreto allestito dagli uffici, che permetterà di versare all’azienda 10 milioni di euro di aiuti di stato messi a disposizione dal governo.

Nell’atto si spiega che la società utilizzerà la sovvenzione per il mantenimento  negli aeroporti di Pisa e Firenze delle attività essenziali di presidio e funzionamento, indipendenti dal numero di passeggeri: tra questi sicurezza, controlli e salute sul lavoro. Nell’accettare i 10 milioni di euro l’azienda si è impegnata a mantenere gli attuali livelli occupazionali diretti  – anche nell’ipotesi di eventuali cessioni di rami di aziende o controllate, almeno per dodici mesi – e a garantire la continuità dei servizi e la tutela dei lavoratoti di terra dei due aeroporti di Pisa e Firenze.

Entro tre mesi dall’erogazione della somma Toscana Aeroporti dovrà trasmettere una relazione dettagliata e una rendicontazione certificata sull’uso dei 10 milioni, accompagnata da una dichiarazione che le voci di spesa non hanno trovato copertura o ristoro in altri benefici o risarcimenti, anche di natura privata. Se la somma degli aiuti superasse il danno, Toscana Aeroporti dovrà restituire la differenza (e gli eventuali interessi) alla Regione.

 

 

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.