Santa Maria a Monte lascia la Valdera: “Lo avevamo promesso”

E’ ufficiale il comune di Santa Maria a Monte lascia l’Unione Valdera (leggi qui) . La decisione approvata dalla giunta sarà presentata questa sera, martedì 3 marzo, in consiglio comunale. “Questa amministrazione ha vinto le elezioni – dice il sindaco Ilaria Parrella in una nota – dicendo che la questione se rimanere o no nell’Unione doveva essere approfondita, servizio per servizio e avremmo mantenuto nell’Unione quei servizi che ci sarebbe stato positivo mantenere. Sono sicura che troverò la massima disponibilità tra i colleghi sindaci degli altri comuni, qualsiasi argomento dovremmo affrontare, anche se Santa Maria a Monte è fuori dall’Unione Valdera, nel pieno rispetto delle posizioni diverse com’è stato in questo anno e mezzo di permanenza nella giunta dell’Unione”.  

Nell’anno e mezzo trascorso l’amministrazione ha condotto un’analisi seria e puntale delle funzioni trasferite all’Unione ed ha partecipato alle varie sedute della giunta dell’Unione dove si è discusso delle prospettive e dell’organizzazione dei vari servizi/funzioni. “Abbiamo analizzato seriamente la possibilità di rimanere all’interno dell’Unione con una funzione condivisa da tutti i Comuni – spiega il sindaco -, per consentire all’Unione, e quindi a tutti i Comuni che ne fanno parte, di accedere a contributi e benefici previsti solo in presenza di una funzione condivisa. Tale funzione non poteva essere la Polizia municipale in quanto il nostro Comune aveva già scelto l’anno passato di riacquistarne la piena titolarità ed ha già riorganizzato l’intera funzione. Abbiamo valutato l’ipotesi che potesse essere la Protezione civile, ma quando questa possibilità non è stata accettata dalla Regione Toscana, ci siamo visti costretti a ripensare la nostra permanenza all’interno dell’Unione poiché non esisteva un’altra funzione tale da poter essere condivisa da tutti i Comuni appartenenti all’Unione e a quel punto la nostra permanenza all’interno dell’Unione avrebbe compromesso la possibilità per gli altri Comuni di accedere ai contributi previsti in presenza di almeno una funzione condivisa”.
Il Comune di Santa Maria a Monte ricopre un territorio molto vasto con oltre 13mila abitanti. La struttura della macchina comunale conta circa 70 dipendenti, ed è capace di gestire in forma autonoma i vari servizi. “Tutte queste considerazioni – continua il sindaco – ci hanno portato a ritenere più utile, recedere dall’Unione e lavorare sulla possibilità che alcune funzioni/servizi, per i quali chiediamo la possibilità di continuare a gestire in forma associata con l’Unione con lo strumento della convenzione. Questo per non disperdere il lavoro fatto e per condividere alcuni processi che indubbiamente possono risultare utili al cittadino e quindi anche al Comune di Santa Maria a Monte”.
“Il settore che attualmente richiede maggiori risorse da parte del nostro Comune è quello socio-educativo – spiega il sindaco-, essendo le quote di partecipazione stabilite su parametri che tengono conto del numero degli abitanti che nel caso nostro sono 13 mila. Il giudizio dell’amministrazione, in particolare nei settori educativo e del sociale è sempre stato critico e attento e in questo anno e mezzo abbiamo potuto partecipare ai vari esecutivi di settore dove la voce del Comune di SMM è stata ascoltata in particolar modo sotto la guida del sindaco Lucia Ciampi responsabile della scuola. Tuttavia – conclude – il nostro obiettivo è quello di fornire un servizio sempre migliore e vicino al cittadino. Vedremo nei prossimi mesi di trovare un giusto equilibrio tra le funzioni più utili al cittadino, svolte nella forma associata con gli altri Comuni o da portare avanti da soli”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.