Quantcast

L’ombra di Mafia Capitale sui 70 migranti di Santa Croce

Potrebbe essere vicina ad aziende oggi sotto inchiesta nell’ambito dell’inchiesta giudiziaria su Mafia Capitale, la coop che dovrà organizzare e gestire i 70 profughi in arrivo a Santa Croce sull’Arno.

A dirlo sono Rebeldia e l’associazione Africa Insieme, attive nell’accoglienza ai migranti. “Ad aggiudicarsi l’appalto – si legge in una nota delle associazioni pisane – è stata infatti Rti, una rete di aziende la cui capofila è la cooperativa romana Tre Fontane, a sua volta parte del consorzio Casa della Solidarietà”. Secondo quanto riferito dai rappresentanti delle associazioni, alcune della imprese collegate al consorzio, sarebbero finite nel mirino dei magistrati romani. Da precisare che l’azienda che opererebbe a Santa Croce ad oggi è estranea ai fatti. “Con un’inchiesta ancora in corso – continuano dalle associazioni pisane -, e con accuse che, se confermate, sarebbero gravissime, la prefettura affida a queste stesse cooperative la gestione dell’accoglienza di 70 profughi in Toscana. Le indagini su Mafia Capitale ci raccontano di migranti usati come strumento per business e malaffare e di cooperative che si arricchiscono a spese della disperazione e della fragilità sociale delle persone accolte”.

 

Leggi anche: Stranieri, grave che Deidda non sapesse”. Questione in Parlamento
                     Deidda: “Non vogliamo un Cie, noi non sapevamo”
                     Migranti all’hotel Cristallo a Santa Corce, scontro tra Salvini e Saccardi

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.