“Stranieri, grave che Deidda non sapesse”. Questione in Parlamento

La vicenda dei 70 migranti che arriveranno all’hotel Cristallo di Santa Croce fa scalpore e le polemiche non si fermano, dai piani della campagna elettorale il dibattito politico si sposta subito sul territorio e in ambito istituzionale. A riportare la questione con i piedi per terra ci pensa Susanna Ceccardi consigliere comunale della lega Nord a Cascina, ma soprattutto personaggio di spicco in provincia di Pisa del movimento leghista.

Che chiederà ai deputati leghisti di presentare un interrogazione parlamentare sull’episodio. “Troppo facile – dice Ceccardi – sbandierare il proprio dissenso in merito agli immigrati in arrivo nel centro città di Santa Croce sull’Arno. Troppo facile, se sei il sindaco, sei del Pd, governi con Sinistra Ecologia e Libertà e in passato hai dimostrato di essere tutt’altro che contraria all’accoglienza di extracomunitari. Viene da chiedersi allora: ma non è che il primo cittadino di Santa Croce sull’Arno Giulia Deidda stia combattente contro l’arrivo di immigrati nell’ex albergo in pieno centro soltanto perché affamata di voti? E intanto i cittadini ripensano a quel piano di messa in sicurezza della città che mai è stato messo in atto dall’amministrazione santacrocese. Anzi, – continua La candidata al consiglio regionale con per la Lega nord – con l’arrivo di extracomunitari in centro la situazione è destinata a peggiorare. E pensare che tra quelle mura sorgeva l’unico hotel cittadino. Dove ora potrebbero dormire gli imprenditori stranieri in visita alle conceria del comprensorio del Cuoio, che invece puntualmente sono costretti a cercare sistemazione lontano da Santa Croce. La Lega Intanto presenterà un’interrogazione parlamentare sulla vicenda, nella speranza di ricevere risposte concrete”.
Poi raggiunta telefonicamente Ceccardi dice: “E’ incredibile pensare che il sindaco di Santa Croce Sull’Arno Giulia Deidda dica che non sapeva che all’Hotel Cristallo arriveranno gli stranieri (leggi qui), sarebbe molto grave se la prefettura non avesse informato il primo cittadino. Non è possibile, come sindaco infatti devono averla informata”. Susanna Ceccardi esponente di spicco della Lega Nord oltre che candidato al consiglio regionale, non perde l’occasione e interviene subito sulle parole del sindaco di Santa Croce sull’Arno riguardo all’arrivo degli stranieri che la prefettura di Pisa dopo aver espletato una gara ha deciso di sistemare nel centro cittadino di Santa Croce all’hotel ormai chiuso da anni i 70 stranieri che stanno per arrivare. Ovviamente a far scoppiare il caso la visita di ieri (lunedì 23 marzo ) del leader dei leghisti Matteo Salvini a Santa croce in occasione di un incontro con l’associazione Conciatori. “Vorrei sapere – continua Ceccardi – perché il sindaco di Santa Croce non è stato informato. Poi ora dice che è contraria, ma per anni Santa Croce sull’Arno ha aderito ai progetti di accoglienza. Se sono contrari, allora lo dicano che abbiamo ragione noi della Lega Nord”. (g.m.)

Leggi anche:Migranti all’hotel Cristallo a Santa Corce, scontro tra Salvini e Saccardi”

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.