Sanità, Montopoli verso il referendum: raccolte 700 firme

Il comitato promotore di Una Sanità per i cittadini ha quasi raggiunto le 800 firme necessarie a richiedere il referendum. Sono state superate, infatti, le 700 firme di cittadini che chiedono il diritto di esprimersi sull’appartenenza o meno del territorio comunale alla istituenda Azienda Unità Sanitaria Locale Nord-Ovest, quella in cui confluirà l’azienda Usl 5 di Pisa.

Il comitato, presieduto da Mauro Ferrari, sta sostenendo la proposta “per – spiega – contrastare un destino che, fino a poco tempo fa, appariva segnato: la confluenza del comune di Montopoli nel territorio dell’Azienda Usl Toscana Centro, quella empolese fiorentina. La preferenza dei cittadini per la Usl che fa capo a Pisa emerge con forza da un dato il cosiddetto indice di fuga verso la Usl 5 arriva nel montopolese fino al 75%, ma è alto per esempio anche nel caso del castelfranchese, zona di Orentano, verso la Usl di Pescia. La mobilitazione dei cittadini sulla proposta di referendum lascia ben sperare come anche il fatto che l’amministrazione comunale si stia muovendo e avremo un consiglio comunale aperto a settembre. Speriamo che anche gli altri comuni si muovano con noi, mettendo sul piatto il peso di una popolazione di oltre 70mila persone perchè vorremmo sapere di più dai commissari su cosa ci attende nell’erogazione dei servizi”.

 

Leggi anche Una sanità per i cittadini, a Montopoli la raccolta firme

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.