Montopoli, 9mila firme per referendum sanità

Il gruppo consiliare di Progetto Insieme Montopoli ha concluso in questi giorni, insieme al comitato Una sanità per i cittadini, la raccolta firme iniziata a maggio per dare voce ai cittadini sulla pianificazione territoriale della sanità, in particolare contro il progetto di accorpamento delle Asl per aree vaste che diventerà effettivo, nelle intenzioni della Regione, dall’1 gennaio 2016 e che rischia di spaccare in due il territorio del Cuoio. Montopoli, in particolare, sarebbe inserita nel territorio dell’area vasta della costa con Pontedera come ospedale di riferimento. Sono state raccolte 9mila firme di residenti a Montopoli maggiorenni, in poco più di tre mesi.

Progetto Insieme, lo hanno comunicato il capogruppo Carli e i consiglieri Giacomo Gronchi e Maria Vanni, ha anche scritto una lettera all’assessore regionale della sanità Stefania Saccardi (che si può in allegato), chiedendo di dare voce, anche politica, al comitato spontaneo di cittadini che si è formato per decidere in quale ospedale e in quale modalità curarsi. “La sanità non è affare di partito – afferma il capogruppodi Progetto Insieme,  Damiano Carli  – ma riguarda la vita di tutti i cittadini”. Alla lettera all’assessore regionale sono state allegate anche le firme raccolte. “Nel regolamento si dice che basta la firma del 10 per cento degli aventi diritto al voto per una consultazione popolare, e il comitato ne ha raccolte ben di più”, continua Carli. Inoltre “abbiamo capito che, anche nei singoli comuni, ci sono molte divisioni tra chi vuole rimanere con gli ospedali dell’area fiorentina e chi invece vorrebbe essere incluso nell’area costiera. Il comitato spontaneo di cittadini si batte affinché ci sia chiarezza e trasparenza nella metodologia di scelta. Attendiamo la risposta dell’assessore regionale e speriamo che non venga negata la voce di ben 9mila cittadini”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.