Castelfranco di Sotto, c’è il bando per agevolazioni Tari

Bando per le agevolazioni Tari per utenze deboli nel Comune di Castelfranco. E’ quanto è stato pubblicato dall’amministrazione comunale e valido per utenze domestiche e non domestiche. è la novità di quest’anno, che hanno aderito ai centri commerciali naturali di capoluogo e frazioni. Tutta la modulistica si trova online sul sito del Comune, all’Urp e all’ufficio tributi dove sarà possibile ricevere assistenza ed informazioni sul bando durante l’orario di apertura: lunedì, mercoledì, giovedì, sabato dalle 9 alle 13 ed il giovedì anche dalle 15,30 alle 17,30. Chiusura, invece, per i sabati di agosto. Il bando resterà aperto fino al 15 settembre.

“Nonostante i continui tagli e la difficoltà economica dei comuni – afferma l’assessore all’ambiente, Federico Grossi – quest’anno abbiamo aumentato la disponibilità economica del bando agevolazioni Tari perché abbiamo introdotto forti sgravi sulla Tari per gli esercizi commerciali che hanno aderito ai centri commerciali naturali. Questa operazione è stata possibile farla grazie alla riorganizzazione del servizio col gestore ed ad una attenta analisi delle spese. Gli esercizi commerciali aderenti al Centro commerciale naturale del capoluogo ubicati in centro storico potranno richiedere una riduzione di un ulteriore 20 per cento oltre alla riduzione generale del 2 per cento circa come da bilancio di previsione 2015, per una riduzione totale del 22 per cento. Gli esercizi commerciali del Centro commerciale naturale delle Frazioni e del Centro commerciale naturale del capoluogo ubicati nella fascia compresa tra il centro storico e i viali di nuova circonvallazione su ambo i lati (viale Europa, viale 2 giugno, viale Italia, viale Vigesimo) potranno fare domanda per chiedere invece una riduzione di un ulteriore 15 per cento sulla Tari oltre alla riduzione del 2 per cento generale per una riduzione totale del 17 per cento”. “Per le utenze non domestiche – chiude l’assessore Grossi – la riduzione non potrà tuttavia essere superiore a 250 euro e sono esclusi da qualsiasi agevolazione esercizi commerciali che detengono terminali videopoker, slot-machine o simili. Sgravi anche per gli uffici e studi lavorativi presenti nel centro storico. Per quanto riguarda invece le utenze domestiche deboli e famiglie con handicap abbiamo confermato le agevolazioni dello scorso anno”.
“Crediamo giusto sostenere i commercianti che si uniscono nei Centri commerciali naturali – aggiunge il sindaco Gabriele Toti – perché senza unità e condivisione non c’è futuro. Abbiamo fatto una scelta politica nell’aumentare il capitolo delle agevolazioni Tari dai 17mila euro dello scorso anno ai 25mila di quest’anno nonostante i continui tagli ai comuni. Un’altra novità che abbiamo introdotto per le famiglie è che i nuovi nati per i primi due anni non andranno ad incidere nel numero di occupanti dell’abitazione con un evidente risparmio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.