La Basilica e quell’ultimo morso d’agosto foto

Centomila bignè, litri di crema e chili di pan di spagna. Che, da soli, non fanno un dolcione: per quello ci vogliono tante, ma proprio tante, abili mani, che trasformano un prodotto tipico celebrato da ormai 47 anni in un’opera d’arte.

Come l’anno scorso, il dolcione è ispirato da papa Francesco e a sfilare a Orentano, tra due ali di folla, musica e allegria, è la basilica di Assisi, nell’ultima serata della 47esima Sagra del bignè. Un ultimo morso di dolcezza, prima di salutare l’estate.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.