Quantcast

Pelle e Cuoio, cresce il mercato: “Non più solo lusso”

Lo scenario economico globale resta incerto. E qualche risultato più concreto, Lineapelle lo darà nei possimi mesi, quando l’interessamento si concretizzerà con gli acquisti.

A poche ore dalla chiusura della fiera di Milano, comunque, buyer, stilisti, creativi e produttori vogliono la pelle made in Toscana, non solo per gli operatori del lusso, ma anche per la fascia media del mercato. “La fiera – secondo Franco Donati, presidente Assoconciatori – ha confermato l’impegno e lo stato di salute delle concerie del nostro distretto, ancora una volta protagoniste all’evento in termini quantitativi e qualitativi e che ora faranno tesoro delle indicazioni emerse in questi 3 giorni di Lineapelle. Questo dato ci conforta poiché alla base della qualità della pelle del nostro distretto ci sono investimenti onerosi e un impegno costante per migliorare i nostri standard. La pelle toscana di qualità è solo l’espressione finale e più preziosa di tutto un lavoro a monte che facciamo per coniugare impresa, rispetto dell’ambiente ed eticità e che ci piacerebbe far conoscere sempre di più all’esterno, poiché spesso quegli stessi operatori che apprezzano il nostro prodotto non conoscono la complessità e l’organizzazione del nostro distretto, le dinamiche e gli sforzi necessari per garantire l’eccellenza della nostra concia”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.