Sicurezza, incontri con le forze dell’ordine a Fucecchio

Nuovi incontri con i cittadini sul tema della sicurezza promossi dal Comune di Fucecchio e dall’arma dei carabinieri.

Mercoledì 28 ottobre l’appuntamento è alle 21,30 a palazzo Della Volta, nella sede della Fondazione Montanelli Bassi in via di San Giorgio. All’incontro parteciperanno il sindaco Alessio Spinelli, l’assessore alla polizia municipale Alessio Sabatini e i rappresentanti delle forze dell’ordine che agiscono quotidianamente sul territorio, in particolare i carabinieri della Compagnia di Empoli e della Stazione di Fucecchio, il Comandante della Polizia municipale dell’Unione dei comuni Annalisa Maritan e il comandante territoriale di Fucecchio Roberto Dini.
L’appuntamento sarà anche l’occasione per conoscere il nuovo Comandante della Compagnia dei Carabinieri di Empoli, Giorgio Guerrini.
Nell’ambito dell’incontro, come avvenuto nelle precedenti occasioni, verranno illustrati alcuni semplici accorgimenti per migliorare la sicurezza nella propria abitazione e sulla strada. Verrà inoltre distribuito ai cittadini un opuscolo informativo.
“L’appuntamento di mercoledì prossimo – dichiara l’assessore Alessio Sabatini – fa parte di una serie di incontri, iniziati lo scorso anno, che hanno già coinvolto alcune frazioni come Massarella e San Pierino e che proseguiranno nel capoluogo e nelle frazioni restanti. L’amministrazione comunale è molto attenta a questo tema e la nostra volontà è quella di garantire la sicurezza grazie ad interventi che assicurino un maggior presidio del territorio, ma anche ad iniziative tese a migliorare la vivibilità urbana, la sicurezza nei luoghi di lavoro, l’informazione e la consapevolezza della cittadinanza”.
“L’impegno delle forze dell’ordine e della polizia municipale – aggiunge il sindaco Alessio Spinelli – è encomiabile, ma la sicurezza non viene perseguita soltanto con interventi repressivi: servono anche le azioni volte a migliorare la vivibilità dell’intero territorio, coniugando prevenzione, mediazione dei conflitti e controllo dei reati. Occorre, insomma, la piena valorizzazione di quel senso di comunità che rappresenta un’arma formidabile per scoraggiare i malintenzionati: segnalare situazioni o persone sospette a qualsiasi ora del giorno e della notte, così come collaborare coi vicini di casa per tener d’occhio reciprocamente le rispettive abitazioni, rappresentano le corrette pratiche da mettere in atto”. Tutti i cittadini sono invitati a partecipare.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.