Barchini, nessun accordo. Stasera incontro decisivo

L’ultimatum del comitato è scaduto ieri, senza alcuna ipotesi di accordo tra le contrade sul nuovo regolamento da adottare. Il momento deciso, però, è fissato per questa sera, quando il comitato si riunirà nella sede di via Bertoncini per sottoporre il proprio regolamento all’approvazione delle contrade. Se due contrade su quattro dovessero tenere il punto e rifiutarsi di adottarlo, si aprirebbero scenari più che mai incerti in vista della prossima edizione del Palio.

L’ultimatum
È questo il quadro della situazione che tiene col fiato sospeso il futuro del Palio dei barchini di Castelfranco, dopo l’ultimatum lanciato a sorpresa, la scorsa settimana, dal comitato che sovrintendente alla manifestazione. Poche righe, nelle quali l’associazione invitava le contrade a presentare un regolamento condiviso entro e non oltre il 5 novembre, minacciando in caso di contrario di adottare autonomamente un proprio regolamento anche senza il consenso dei quattro rioni. Leggi anche: Barchini, regolamento condiviso o decide il Comitato
Le ragioni
All’origine di questa posizione, ci sarebbe una spaccatura netta emersa negli incontri delle scorse settimane. Due contrade su quattro, San Pietro e San Michele, avrebbero proposto di modificare l’articolo del regolamento che riguarda la meccanica dei barchini, con l’obiettivo di uniformare le caratteristiche dei mezzi per limitare ogni eventuale gap di tipo “tecnico-ingegneristico”. L’attuale regolamento, infatti, permette alle contrade, entro determinati limiti, di sperimentare innovazioni tecniche pensate per facilitare la manovrabilità dei mezzi e la velocità sui rettilinei: ne è nata una sorta di gara nella gara, che ha fatto della meccanica un elemento non più secondario, insieme ovviamente all’allenamento e all’abilità dei rematori. La proposta di San Pietro e San Michele, tuttavia, sarebbe considerata irricevibile da San Martino e San Bartolomeo.
Le condizioni del comitato
Da qui la spaccatura che ha spinto il comitato a proporre un proprio regolamento, nel quale si prevede un inasprimento delle penalità per chi si renda colpevole di atti di violenza (alla luce di quando accaduto lo scorso anno) senza toccare, però, il tema della meccanica dei barchini.
Questa sera, quindi, il comitato attende la sottoscrizione del regolamento da parte dei presidenti delle contrade. Se non ci sarà l’adesione di almeno 3 contrade su 4, il comitato potrebbe mettere in discussione la prossima edizione del Palio. (g.p.)

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.