Gli auguri del sindaco di Montopoli Giovanni Capecchi

Bilanci e prospettive anche per Giovanni Capecchi, sindaco di Montopoli. Il primo cittadino ha porto i consueti auguri di buon anno ai suoi concittadini attraverso il suo profilo Facebook, tracciando un ideale bilancio della strada già percorsa e quella ancora da compiere. Fra le difficoltà maggiori affrontato nell’anno che se ne va, anche la riorganizzazione del srvizio porta a porta. “Si è appena concluso un anno molto intenso e impegnativo.

Questo, come sempre, è il periodo dei bilanci e ripercorrendo i 12 mesi trascorsi credo ci siano tante cose fatte su cui abbiamo lavorato duro e molte ne rimangono da fare” scrive Capecchi. “Abbiamo affrontato tante, tantissime problematiche; molte arrivate dal passato, altre emerse durante l’anno. Abbiamo lavorato su molti fronti mettendo mano a situazioni che necessitavano interventi da lungo tempo. Una su tutte il riordino della gestione dei rifiuti che ha interessato tutti noi, e che, al di là delle generalizzazioni e delle disquisizioni fin qui fatte, merita che io ringrazi tutta l’amministrazione e i dipendenti comunali perché con loro siamo stati non una squadra ma quasi una ‘famiglia’; non meno ringrazi voi tutti, voi cittadini di tutto il comune per il senso di responsabilità individuale e collettiva dimostrato, per l’impegno che è stato impiegato nel portare “a casa” questo grande obiettivo da raggiungere con l’obiettivo di lasciare in eredità ai nostri figli un ambiente migliore. Abbiamo anche preso decisioni difficili, impopolari, e altre ne prenderemo, con la consapevolezza che amministrare significa anche assumersi il peso di scelte difficili. Agli uomini e alle donne che anche quest’anno hanno permesso di valorizzare e animare il nostro territorio attraverso iniziative ricreative e culturali dico: grazie. Tutte queste iniziative stanno contribuendo fortemente al rilancio del nostro straordinario entroterra che ha un ottimo potenziale di crescita. Certo, abbiamo ancora tanta strada da fare ma insieme possiamo raggiungere grandi traguardi all’insegna della collaborazione, della partecipazione e del coraggio. Seppur nella piccola realtà del nostro comune dobbiamo impostare una programmazione del fare, fare le cose giuste e farle bene che ci guidi anche a livello comprensioriale. A livello personale ho vissuto davvero intensamente questo 2015, e anche se per carattere cerco di puntare sempre al massimo, a voler fare sempre di più per poter dare ulteriori risposte, tendenzialmente mi ritengo soddisfatto. Con questi stimoli guardo ad un 2016 nel quale potremo raccogliere altre soddisfazioni e fare ulteriori passi avanti. Tanto resta da fare ancora, ma l’importante è continuare a lavorare uniti e determinati, con l’obiettivo di migliorare ogni giorno il nostro comune.”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.