Quantcast

Esumazioni in vista nei cimiteri di S.Miniato e S.Lorenzo

Si comincerà l’8 febbraio nel cimitero di San Lorenzo e il 23 dello stesso mese in quello di San Miniato. L’amministrazione comunale dà avvio alle esumazioni nei due cimiteri del comune, il primo a servizio delle frazioni di San Miniato Basso e La Scala il secondo per il capoluogo.

Per conoscere nel dettaglio i nomi delle salme interessate, nonché il giorno e l’ora dell’intervento, la famiglie sono invitate a consultare gli appositi elenci consultabili dal sito internet del comune al seguente link: http://goo.gl/4IEg6r
Per il cimitero di San Lorenzo, l’intervento interesserà le salme inumate nel cosiddetto campo M, a partire da lunedì 8 fino a venerdì 12 febbraio. Lo smontaggio degli ornamenti sarà eseguito il 5 Febbraio 2016: per il recupero degli effetti personali occorre rivolgersi con anticipo al Custode del cimitero.
Nel cimitero di San Miniato, invece, l’esumazione riguarderà le salme del campo 2 zona B (sul lato destro), a partire da martedì 23 febbraio fino a martedì 1 marzo. Lo smontaggio degli ornamento sarà eseguito il 22 febbraio, pertanto i familiari sono invitati anche in questi a rivolgersi fin da subito al custode per poterli conservare.
Dal momento dell’esumazione, inoltre, i familiari avranno 30 giorni di tempo per decidere la collocazione dei resti ossei, dopodiché verranno collocati in ossario comune. Durante i lavori di esumazione, ovviamente, i due cimiteri resteranno chiusi al pubblico.
Nel frattempo, l’amministrazione di San Miniato sta portando avanti il calendario di interventi per la riqualificazione e l’ampliamento dei cimiteri comunali. Si è conclusa pochi giorni fa, ad esempio, il restauro della cappellina di Isola, unita ad una serie di opere di manutenzione a San Miniato come in altre località. Pochi giorni fa, con l’approvazione del piano triennale delle opere pubbliche, il comune ha previsto 100euro d’investimento, nel 2016, per l’atteso ampliamento del cimitero di San Lorenzo, seguito dall’ampliamento di quello di Roffia nel 2017 (200mila) e da un ulteriore lotto da 150mila euro nel 2018 sempre per il San Lorenzo.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.