Ostello S.Miniato, c’è il bando: tariffe tra 10 e 20 euro foto

Sarà un affidamento di 18 mesi con base d’asta fissata a 2500 euro (Iva esclusa), con l’obbligo, per il futuro gestore, di adottare una tariffa giornaliera compresa fra 10 e 20 euro. È quando prevede il bando di gestione per il futuro ostello di San Miniato, in costruzione nei locali dell’ex tipografia Palagini in piazza Mazzini.

L’amministrazione comunale, con il via libera di giunta, dà avvio alla gara di assegnazione della struttura, aperta a privati o associazioni, in attesa della conclusione dei lavori prevista per il mese di maggio.
“Abbiamo scelto di dare il servizio in concessione a terzi per 18 mesi – spiega il sindaco di San Miniato Vittorio Gabbanini -, con un canone a base d’asta di 2500 euro (Iva esclusa). Dietro a questa scelta, è stato necessario individuare alcuni parametri entro i quali muoverci, definendo che le spese relative alle varie utenze siano a carico del gestore, insieme agli interventi di manutenzione ordinaria, mentre gli interventi di manutenzione straordinaria siano direttamente a carico dell’amministrazione comunale”.
Oltre a questo, è stato deliberato che nei 18 mesi di affidamento del servizio, la struttura di piazza Mazzini dovrà essere aperta per almeno 15 mesi, prevedendo le chiusure sulla base dei periodi di minor affluenza turistica e concordandole con l’amministrazione. L’accordo prevede inoltre che il comune di San Miniato, nel corso della gestione, abbia a disposizione un massimo di 80 pernottamenti gratuiti per iniziative proprie o che abbiano il patrocinio dell’amministrazione.
“Per stabilire le tariffe è stata condotta un’indagine di mercato sui prezzi utilizzati in strutture simili, che si trovano sul territorio della provincia di Pisa – prosegue il sindaco -, dalla quale è emerso che il prezzo giornaliero a persona può avere una tariffa minima di 10 euro, fino a una massima di 20 euro”. Queste cifre comprendono riscaldamento, uso zona cottura, uso dei servizi igienici e imposte, mentre sono esclusi la fornitura di biancheria ed eventuali altri servizi.
“L’ostello è una struttura che ci consente di valorizzare il territorio comunale, favorendo il turismo giovanile ed escursionistico, ed incentivando un turismo sostenibile – conclude -. Vogliamo promuovere ulteriormente lo sviluppo economico del nostro comune, rendendo piazza Mazzini più vivibile: il luogo con una delle più belle viste panoramiche che affaccia direttamente sulle nostre splendide colline, può diventare teatro di momenti ricreativi aperti a tutti”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.