Dalla stazione al centro, nuove corse bus a Fucecchio

Da lunedì 15 febbraio, i mezzi del trasporto pubblico locale gestito dalla Ctt Nord di Fucecchio che dalla stazione ferroviaria arrivano al capolinea in piazza XX settembre, fermeranno anche sotto le torri con gli ascensori di piazza Giovanni Paolo II.

In particolare le corse delle linee 290 e 310 che raggiungono il centro storico di Fucecchio e l’ospedale San Pietro Igneo dalla stazione ferroviaria di San Miniato-Fucecchio. “Una facilitazione per le persone che devono raggiungere l’ospedale e che arrivano da fuori – commenta l’assessore al trasporto pubblico Alessio Sabatini -. Scendere dal treno e montare su un bus che porterà proprio all’imbocco dei nuovi ascensori per il centro storico, è indubbiamente un servizio più consono ai crescenti numeri di pazienti e relativi familiari, che scelgono il Cesat di Fucecchio per gli interventi di artroprotesi all’anca o al ginocchio”. Già da oltre un anno tutte le 8 linee urbane del Tpl, gestite dalla Fucecchio Servizi srl, hanno il capolinea di partenza e arrivo in piazza Giovanni Paolo II. Ora si fermeranno anche alcuni bus extraurbani provenienti dalla stazione ferroviaria. “Si tratta – prosegue l’assessore – di una manovra a costo zero per il Comune. Ciò è stato possibile grazie ad alcune piccole modifiche su due altre corse e alla fattiva collaborazione della provincia di Pisa (competente sulle tratte in questione) e del Ctt Nord”. Un’altra piccola novità, attiva già da qualche giorno, riguarda il tabellone informativo del comune in piazza XX settembre. All’interno della sequenza dei messaggi vengono infatti indicati, con rapida cadenza, gli orari dei bus Cpt in partenza verso la stazione ferroviaria. “Anche questa novità – conclude l’assessore Sabatini – intende favorire l’uso del mezzo pubblico. La razionalizzazione della rete e la valorizzazione del collegamento con la stazione, sono infatti due principi su cui si è basata la costruzione del progetto di rete ‘debole’ con gli altri comuni del Cuoio, ormai in fase avanzata”.

A seguito dell’espletamento della gara regionale per il lotto unico (entro un mese ci dovrebbe essere l’assegnazione definitiva, salvo ricorsi), i comuni interessati dai tagli alle linee dei bus si sono organizzati per bandire una gara per alcune tratte ritenute comunque importanti per il territorio. Nel prossimo consiglio comunale, tra l’altro, verrà discussa la bozza di convenzione tra comuni del Cuoio, della Valdera e della Valdicecina, con la provincia di Pisa, che farà da stazione appaltante per l’espletamento delle procedure della gara per i lotti cosidetti deboli.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.