Jeshua, un Cristo misericordioso a San Rocco foto

Un Cristo misericordioso che accoglie i pellegrini, modellato dallo scultore con il martello e la mola e realizzato completamente in ferro lavorato a freddo.

Tecnica e abilità uniche, quelle di Attilio Cartone, autore dell’opera Jeshua che sarà inaugurata domani 19 febbraio nell’oratorio di San Rocco, in piazza Buonaparte a San Miniato alle 18,30. Attilio Cartone, 43 anni, risiede a Casciana Terme e da tantissimi anni ha il ferro quale principale compagno di vita. Prima lavorava all’officina Ferretti di Capannoli, ora è un artigiano in proprio ed è tra i pochissimi in Italia a lavorare il ferro a freddo usando la lamiera da quattro millimetri.
“Il ferro – per Cartone – è una materia viva, un conduttore di calore, attraverso di esso riesco a trasmettere le mie emozioni. Così la forma prende corpo e trasmette a sua volta emozione. E’ allora che il ferro mi risponde. Per realizzare Jeshua è stato necessario un anno di tempo sottratto ai dopocena e alla notti”.
L’iniziativa è realizzata in collaborazione con Associazione Fiera del Libro Toscano, Pro Loco San Miniato, Associazione Culturale Capannese e dell’assessorato alla cultura del Comune di San Miniato e con il contributo di Grafiche Leonardo e Fm Edizioni che hanno realizzato un mini catalogo sull’opera che comprende anche alcune foto della lavorazione dell’opera realizzate da Giovanna Biondi.
A promuovere l’iniziativa Fabrizio Mandorlini: “In un contesto storico millenario com’è San Miniato, le proposte culturali e artistiche spontanee e dal basso, che non cercano per forza una vetrina, di cui è intrisa la città, rappresentano il tessuto naturale per accogliere, ospitare e far crescere iniziative di qualità. Ti lascia senza fiato per la sua espressività e per i lineamenti quasi delicati. La materia viene plasmata e diventa il corpo di Jeshua, il Cristo accogliente e misericordioso che, inginocchiato e con le braccia spalancate, si pone in un gesto supremo di amore. Un’opera che sembra fatta appositamente per far pensare, la sua, esposta per la prima volta in Toscana (se escludiamo una breve parentesi a Livorno) dopo aver ricevuto apprezzamenti in tante città italiane, che trova alloggio temporaneo nel tempo di quaresima nell’oratorio di San Rocco in piazza Buonaparte a San Miniato. Un oratorio questo molto caro ai sanminiatesi. Da alcuni anni è diventato uno dei luoghi di accoglienza per i pellegrini nel loro viaggio lungo la via Francigena e, nel tempo di Natale, ha già ospitato con successo le particolarissime opere in forma presepiale realizzate con materiali di riciclo da Roberto Cipollone, in arte Ciro. Nell’anno che Papa Francesco ha voluto dedicare alla Misericordia, il Jeshua di Attilio Cartone sembra cogliere che nell’abbraccio del Cristo misericordioso e in quelle sue braccia protese verso il mondo, c’è posto per tutti noi e per tutti coloro che vivono la difficoltà del nostro tempo. Come dire: dopo un lungo cammino, la speranza c’è, anche se non sempre la percepiamo. E in questo tempo ce n’è veramente bisogno. Oggi più che mai”.
L’opera sarà visitabile ogni giorno secondo il consueto orario di apertura che la signora Fiorella garantisce da anni al pari della cura dell’oratorio. L’opera rimarrà in San Rocco per tutto il periodo quaresimale e pasquale, fino a domenica 3 aprile.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.