Quantcast

Vetrina Teatro, i premi a Castelfranco – Foto foto

Il premio della giuria è andato quest’anno alla compagnia “Luna Nova” di Latina, che si è aggiudicato la Vetrina 2016 con un’opera di Pirandello, “Il berretto a sonagli”, messo in scena attraverso l’adattamento di Eduardo De Filippo. Si è chiusa così l’edizione di quest’anno della rassegna Vetrina Teatro a Castelfranco, che ha visto impegnate 5 compagnie di teatro amatoriale in altrettante rappresentazioni.

Cinque spettacoli inseriti quest’anno all’interno del cartellone del teatro, arrivato ieri sera (domenica 10 aprile) all’atto finale con l’ultimo appuntamento della stagione seguito dalla premiazione del concorso.
Al termine dello spettacolo “Terremoto sui tacchi”, infatti, sono stati annunciati i nomi dei vincitori. Sul gradino più alto del podio, come detto, una compagnia di Latina composta da attori di origine napoletana, che si sono aggiudicati il premio “Qualità” mettendo in scena alla perfezione lo spirito partenopeo di Eduardo De Filippo nella sua interpretazione de “Il berretto a sonagli”.
Il premio “Gradimento del pubblico”, decretato attraverso i voti degli spettatori e offerto dallo sponsor Studio Cecchini, è andato al gruppo Pierrot di Napoli con lo spettacolo “Non mi dire te l’ho detto”. Il premio infine per il “miglior attore”, invece, offerto dall’oreficeria Franceschi, è andato a Roberto Becchimanzi della compagnia “Luna Nova”, mentre il premio “scenografia”, offerto dall’Accademia dei nuovi inaspettati in ricordo del sindaco Umberto Marvogli, è andato alla compagnia “Corte dei folli” di Cuneo con lo spettacolo “Piccoli crimini coniugali”.
“L’intento di Vetrina Teatro è sempre stato quello di cercare la qualità anche nel teatro amatoriale – ha ricordato Pietro Cataldo, presidente del gruppo Four red roses che sovrintende al concorso – accompagnando allo stesso tempo il pubblico verso una partecipazione attiva agli eventi culturali”.
Alla premiazione sono intervenuti anche il sindaco Gabriele Toti e l’assessore alla cultura Chiara Bonciolini, che hanno sottolineato l’importanza del teatro come struttura capace di rispondere ad una necessità latente della comunità, nonché come elemento cardine per il futuro sviluppo culturale di Castelfranco. (g.p.)

 

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.