Quantcast

Bandi per i centri storici, Comune aperto anche di sabato

Uffici comunali aperti in via eccezionale, anche il sabato mattina, per consentire ai cittadini di recarsi in municipio per partecipare ai 5 bandi messi in campo per la riqualificazione dei centri storici. A comunicarlo è il comune di Santa Maria a Monte, informando che per tutto il mese di luglio gli uffici rimarranno aperti nel giorno del sabato, a partire dal 9 luglio, con orario dalle 9,30 alle 12.

È all’Ufficio tributi che gli interessati potranno recarsi per avere maggiori informazioni su come partecipare ai bandi per la riqualificazione dei centri di Santa Maria a Monte e Montecalvoli, conoscendo anche le agevolazioni previste per ciascuno di essi. “L’iniziativa sta riscuotendo successo e ha già ricevuto numerose manifestazioni di interesse da parte della cittadinanza – spiega il sindaco Ilaria Parrella –. Abbiamo deciso di ampliare l’orario di apertura al pubblico degli uffici per andare incontro alle esigenze di tutti, anche di coloro che durante la settimana non hanno la possibilità recarsi agli sportelli comunali per informarsi”.
I bandi sono stati pubblicati a partire dalla giornata di venerdì 17 giugno sul sito del comune, www.comune.santamariaamonte.pi.it, dove può essere consultata tutta la documentazione necessaria per partecipare. Per maggiori informazioni è possibile rivolgersi all’Ufficio tributi e al Suap (Sportello unico attività produttive) ai numeri 0587/261645 e 0587/261644.
Il primo è dedicato al recupero dei fondi e dei locali attualmente sfitti, attraverso un patto di collaborazione tra amministrazione, proprietari e associazioni per la valorizzazione del territorio, con lo scopo di riportare il commercio e le botteghe all’interno borgo. Per i cittadini privati e le associazioni che favoriranno il recupero e la riqualificazione delle unità immobiliari di tipo C2, C6, C3 e C1, è previsto un contributo economico fino a 6mila euro e un contributo per il baratto amministrativo fino a 500 euro per la riduzione dal pagamento delle imposte Imu e Tasi.
Il secondo bando è volto ad incentivare l’apertura di nuove attività o l’ampliamento di quelle già esistenti all’interno di uno dei fondi che saranno riqualificati nell’ambito del primo bando. Oltre all’esenzione della Tari e della Cosap (Canone per l’Occupazione di Spazi ed Aree Pubbliche), è previsto un contributo fino a 1700 euro una tantum per le attività, in via prioritaria, legate alle tipicità del territorio.
Il terzo bando punta alla valorizzazione turistica della città sotterranea in collaborazione con i proprietari, ai quali verrà erogato un contributo per il baratto amministrativo fino ad un massimo di 500 euro all’anno qualora mettano a disposizione i propri locali sotterranei in occasione di eventi organizzati dall’Amministrazione comunale.
Il quarto bando si rivolge a chi voglia aprire o ampliare un’attività commerciale esistente in un fondo del centro storico non compreso nella proposta di collaborazione del primo bando. Per questi, è previsto un contributo economico una tantum fino ad un massimo di 2500 euro.
Il quinto bando, infine, prevede un contributo fino a 1000 euro per i negozi e i circoli ricreativi dei centri storici che realizzino manifestazioni, eventi di attrazione turistica, momenti aggregativi e iniziative di partecipazione all’interno del borgo.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.