Quantcast

Parrocchia ‘isolata’: linee telefono fuori uso da 2 mesi

Due linee telefoniche fuori uso da quasi due mesi, insieme ad un servizio Adsl non proprio impeccabile e a una copertura mobile che lascia molto a desiderare. Nell’era della comunicazione in tempo reale, c’è ancora un posto dove il tempo sembra essersi fermato per davvero: un luogo dove i parrocchiani, come succedeva una volta, sono costretti a cercare il parroco andando a bussare alla porta della canonica. Succede a Marti, nel comune di Montopoli, dove don Fabrizio Orsini vive dai primi di giugno con i telefoni “isolati”, messi fuori uso dal guasto che ha interessato contemporaneamente i due numeri della parrocchia, entrambi serviti da Tim.

“Ho segnalato il guasto il 6 di giugno per una linea e l’8 giugno per l’altra – racconta il parroco – ma erano già alcuni giorni che entrambe le linee erano fuori uso. Quindi sono già passati due mesi. Soltanto un giorno i telefoni hanno ripreso a funzionare ma con un forte fruscio in sottofondo”. Un guasto che sarebbe comune anche ad altri utenti che vivono nei pressi della chiesa, a dimostrazione evidentemente di un problema sulla linea.
Un problema che sta creando non pochi disagi alla normale attività della parrocchia. “Cerco di fare tutto con il cellulare, sempre con Tim – riprende don Fabrizio – ma in questa zona purtroppo la copertura va e viene, col risultato che diverse persone non sanno più come trovarmi. Molti parrocchiani si stanno lamentando da settimane perché non riescono a rintracciarmi, soprattutto quando mi cercano per i funerali. È vero che si tratta di due numeri nominativi intestati a me, ma di fatto sono i numeri di riferimento della parrocchia. È una struttura di utilità pubblica: un servizio che un sacerdote dovrebbe garantire ai parrocchiani”.
Eppure, nonostante le ripetute telefonate al 187, il parroco racconta di non essere più riuscito a parlare con un operatore ormai da diverse settimane. “Dopo le prime segnalazioni – spiega – fui chiamato da un tecnico che mi annunciava l’intervento sul posto. Gli chiesi di farmi sapere l’orario preciso in modo da farmici trovare, ma poco dopo ricevetti un sms dove avvisavano che l’appuntamento era annullato e che sarei stato ricontattato. Da allora non ho più parlato con nessuno: anzi, quando richiamo il 187 e digito uno dei due numeri della parrocchia, o cade la linea oppure mi sento dire che il numero risulta inesistente. Ovviamente cercherò di ottenere un rimborso come previsto dalla legge, però la cosa che conta è riavere al più presto il servizio. Questa situazione mi sta creando disagi importanti”. (g.p.)

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.