Fontanello S.Croce, ’17mila euro di manutenzione in 2 anni’

Per la sua costruzione furono spesi circa 25mila euro. “Per la sua manutenzione, in appena due anni, il Comune di Santa Croce ne ha spesi altri 17mila, per l’esattezza 17631,36”. È la denuncia di Enzo Oliveri in merito al fontanello0 di Acqua in piazza fratelli Cervi, installato dalla precedente amministrazione un mese prima delle elezioni 2014.

“Dopo aver letto e riletto le determine del comune – dice Oliveri – sento il dovere di rendere nota ai cittadini una verità che altrimenti nessuno racconterebbe. Nel 2014, dopo tante polemiche anche da parte del sottoscritto, visto eravamo uno degli ultimi comuni a non averne uno nel capoluogo, anche Santa Croce ebbe il proprio fontanello collocato in piazza Fratelli Cervi vicino ai giardini (ancora privi da mesi dei giochi e mal tenuto). Il primo giorno del suo funzionamento era presente quasi tutta la giunta al completo dell’allora amministrazione presieduta da Osvaldo Ciaponi. A distanza di appena 2 anni dalla sua installazione, però, il fontanello si è rivelato un grosso buco nell’acqua. Perché? Non occorre essere un genio per leggere dei numeri. Per la sua installazione il comune ha pagato in totale 25mila euro e per la sua manutenzione e riparazioni, in totale, sono stati spesi oggi ben 17.631,36 euro”.
“Non è ammissibile – attacca Oliveri – che i cittadini santacrocesi, ogni volta, per colpa di scelte sbagliate dell’amministrazione comunale, debbano tassarsi di ulteriori soldi: in definitiva quei 17.631,36 sono soldi pubblici che vengono pagati dai santacrocesi. Senza contare che fino ad oggi il fontanello non ha quasi mai funzionato bene, è stato per alcuni periodi senza erogare acqua o ha fornito acqua solo da un erogatore anziché due. Per di più è stato installato un fontanello senza avere la possibilità, come negli altri comuni, di poter prendere acqua gassata ma solo acqua naturale. Alla data del 18 ottobre 2016, su 2 erogatori funzionava solo quello di sinistra”.
Oliveri si rivolge quindi alle minoranze in consiglio: “Adesso mi aspetto che dai 5 consiglieri di opposizione – dice – sia effettuato nell’interesse dei cittadini un accurato e preciso controllo con la ragioneria del comune per verificare se eventualmente qualcuno avesse pagato 2 volte la stessa manutenzione, in quanto la determina 714 dell’ottobre e la determina 894 del dicembre del 2015 sono praticamente un copia e incolla con la sola differenza di 65 euro. La mia domanda è questa: come mai sarebbero state pagate 2 lavori uguali nel giro di appena 2 mesi per lo stesso motivo e ognuna con un importo che si aggira sui 4mila euro?”.
“È l’ora di finirla – conclude Oliveri – col fare progetti sbagliati che poi non funzionano o che per farli funzionare ci vuole una continua manutenzione che alla fine costa più del progetto stesso. Ricordo che i soldi che il comune spende sono i soldi dei santacrocesi”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.