San Miniato su 4… rotelle. Anche il sindaco alla Skarrozzata foto

A volte ci si pensa inciampando su un marciapiede o solo su un sampietrino un po’ smosso. Ma la strada può essere davvero difficile se per muoverti usi le braccia e non le gambe. Quanto fosse difficile spingere una carrozzina se ci sei sopra, il Cuoio lo aveva scoperto tempo fa (qui Castelfranco, con riserva, alla prova Skarrozzata – Foto). Ma almeno Castelfranco di Sotto sviluppa su uno stesso livello. Quanto sia difficile fare un giro sulla sedie a rotelle a San Miniato, oggi 8 dicembre, lo hanno scoperto anche il sindaco di San Miniato Vittorio Gabbanini e l’assessore Giacomo Gozzini.

Stamattina, Gabbanini ha aperto il corteo della Skarrozzata, organizzata insieme a Movimento Shalom, Cesvot e Comune, grazie anche ai volontari della pro loco e di altre associazioni cittadine. 
Nella stessa giornata, Shalom ha celebrato anche la 42esima Festa della Mondialità, dedicata alla disabilità, iniziata proprio con la Skarrozzata tra le vie del centro.
La Skarrozzata si è conclusa davanti a Palazzo Grifoni, dove c’è stato il lancio dei palloncini.
Dopo il pranzo sociale, realizzato grazie alle volontarie del Movimento Shalom, è iniziata la conferenza, sul tema Nascere e divenire disabilita, un’occasione per riflettere sul tema della disabilità e di sentire le testimonianze delle diverse realtà del territorio che operano in questo settore.
Dopo i saluti di Giacomo Gozzini e Dario Parrini, parlamentare e segretario del Partito Democratico della Toscana, la conferenza è iniziata con l’intervento di Daniela Bolelli, della Società Italiana di Psicoterapia Analitica, seguita dall’intervento di Aurelio Lupi dell’associazione A.S.Ha Pisa onlus, accompagnato da Mouhamed Ali Ndiaye, pugile senegalese e ambasciatore per i disabili nell’Africa dell’ovest. Paola Becagli ha raccontato l’emozionante storia di suo figlio Nik, ha introdotto l’intervento di Marino Lupi, dell’Associazione Autismo Toscana.
Ha quindi fatto i suoi saluti Eugenio Giani, presidente del consiglio della Regione Toscana e Marco Rossi ha declamato alcune poesie.
Sono seguite le testimonianze di Enzo Ademollo, dei Canottieri di San Miniato e Gian Luca Drago di Asd Aquateam Nuoto Cuoio e la Dynamo Camp. Ha quindi portato la propria esperienza Clarissa Salvadori e David Bertuccelli, vicepresidente del Movimento Shalom, ha introdotto l’intervento di Massimo Toschi, che ha fatto il punto sulle politiche regionali sulla disabilità.
Sono stati anche premiati i vincitori dei concorsi con le scuole: per il concorso di disegni per le scuole elementari hanno ricevuto il terzo premio lo hanno vinto La storia di Dorina della Scuola Primaria Fucecchio, Tu sei speciale della classe IV della Scuola Primaria Da Vinci di San Miniato e Abbattiamo questo muro della V della Scuola Primaria Da Vinci, il secondo premio la classe V B della Scuola primaria de Le Capanne e il primo premio della classe V A della scuola Galilei di Ponte a Egola. Per il concorso di testi Peace Writers nella sezione Giovani e Adulti sono stati premiati Un Natale memorabile di Giancarlo Pertici (1° premio), La mia vita da Pollicina di Virginia Rossi (2° premio), Totalità” di Irene Iannotta e Il viale di Sara di Giulia Martini (3° parimerito). Per la sezione delle Scuole Medie sono stati premiati “Nico e Lelly” di Mattia Ceccanti e Matteo Graziano della Classe II E della Scuola Media Cardelli di Casciana Terme (1° premio),
Sillabario dell’inclusione scolastica della Scuola Media Montanelli-Petrarca di Fucecchio (2° premio) e Il grande sorriso di Marta Puccini della II C – Scuola Media Pacinotti di Pontedera e La storia di Giulia di Ferraro Fano Zefiro della Classe I G – Scuola Media Sacchetti, San Miniato (3° parimerito).
Andrea Mancini ha quindi brevemente introdotto Silvia della Monica, vicepresidente della Commissione Adozioni Internazionali che ha concluso la conferenza moderata da don Andrea Cristiani.

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.