Quantcast

Calzature, accordo per ricollocare i lavoratori a S.Miniato

Un problema impensabile fino a pochi anni fa: trovare risposte per i soggetti che hanno lavorato nel settore calzaturiero e hanno necessità di essere ricollocate. Il settore, pur se meno di altri, continua a soffrire. Per aiutare i lavoratori del comparto, oggi 17 gennaio il sindaco Vittorio Gabbanini e il presidente del Consorzio calzaturieri della provincia di Pisa Paolo Nacci hanno sottoscritto un accordo, alla presenza dell’assessore al lavoro David Spalletti, dell’assessore alle attività produttive Giacomo Gozzini e del direttore del Consorzio Rolando Scateni.

Il progetto, che costerà 2mila euro al Comune di San Miniato, ha validità di un anno, periodo entro il quale verrà attivato un vero e proprio sportello dove poter raccogliere schede sulle attitudini dei lavoratori del settore, in modo da creare una banca dati alla quale avranno accesso tutte le aziende iscritte al Consorzio.
“Il Comune con questo documento si impegna a dare massima pubblicità all’accordo, in modo da incrementare le possibilità per i soggetti interessati e dare respiro a questo settore – spiega il sindaco -. Dall’altra parte il Consorzio integra nel comparto produttivo calzaturiero il maggior numero di persone che si presentano allo sportello, in accordo e collaborazione con le agenzie interinali con le quali è stato stipulato un altro accordo parallelo”.
“Questo accordo nasce dalla concreta esigenza di fare rete per restituire linfa vitale ad un settore nel quale molti cittadini di San Miniato lavorano o hanno maturato esperienza – spiega ancora il sindaco -. Occorre dare risposte ai soggetti che hanno difficoltà a trovare lavoro in questo ambito e, per farlo, la migliore risposta è collaborare; questo è un primo passo, sarà un anno di sperimentazione e siamo fiduciosi che i risultati saranno importanti”.
Per info: vnardinelli@comune.san-miniato.pi.it – 0571.406623

 

 

(notizia in aggiornamento)

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.