Quantcast

Olio Capitale, anche San Miniato in fiera

C’è anche il Frantoio Sanminiatese tra i 9 produttori e associazioni pisane di settore che, grazie al contributo della Camera di Commercio di Pisa, parteciperanno gratuitamente alla Fiera Olio Capitale in programma dal 4 al 7 marzo alla Stazione marittima di Trieste. Olio Capitale, il Salone dedicato agli Oli Extra Vergini tipici e di qualità, giunge quest’anno alla sua undicesima edizione e forte dei numeri del 2016 – oltre 300 espositori provenienti da tutta Italia e ben 13.500 partecipanti – si conferma come evento di riferimento per la promozione dei migliori oli extravergini d’oliva italiani.

In fiera, per la Camera di Commercio c’è uno stand collettivo di 48 metri quadrati all’interno del quale, oltre al Frantoio, ci saranno Olio Polidori di Buti, azienda agricola Val di Lama di Pontedera, Frantoio di Colli Toscani di Volterra, Produttori Olio delle Colline di Pisa di Palaia, Fattoria Lischeto di Volterra, Strada dell’Olio dei Monti Pisani, Oleificio Sociale di Buti e Podere San Giovanni di Chianni. L’evento sarà arricchito da eventi collaterali tra i quali il noto Concorso dedicato agli espositori dove 229 oli italiani, greci, spagnoli e portoghesi verranno valutati da tre differenti giurie (assaggiatori professionisti, fruitori professionali e pubblico di consumatori), un intenso programma di attività formative, l’organizzazione di appuntamenti mirati con buyer esteri, show cooking e l’Oil Bar: un luogo dove sommelier professionali guideranno i visitatori all’assaggio dell’oro verde.
Particolarmente importante, per l’edizione 2017, sarà proprio l’Oil Bar, gestito e curato dall’Associazione Assaggiatori e Culturi Olio Extra Vergine di Oliva di Pisa: un plus che non potrà passare inosservato per la promozione del nostro territorio.
“Il sostegno alla realtà pisane che producono e promuovono il nostro olio – per il presidente della Camera di Commercio di Pisa Valter Tamburini – si inserisce nel percorso che la Camera di Commercio, attraverso gesti concreti, ha intrapreso da tempo e rappresenta un ulteriore tassello per lo sviluppo del brand Terre di Pisa. Grazie a questa partecipazione e nonostante i forti tagli al nostro bilancio, vogliamo aumentare le occasioni qualificate di contatto tra produttori, ristorazione specializzata e distributori ,con l’obiettivo di favorire l’esportazione delle produzioni di qualità: primo biglietto da visita del nostro territorio”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.