Quantcast

Rugiati alla Notte Nera, musica e lampadari su San Miniato foto

Sarà l’occasione per cominciare ad assaporare l’aria dell’estate, in una serata che unirà musica, danza ed enogastronomia nella cornice suggestiva di una città vestita di luci e di colori. San Miniato si prepara ad ospitare la sesta edizione della Notte Nera, l’evento dedicato al tartufo nero di stagione, in programma sabato 10 giugno. Ospite di punta di questa edizione sarà lo chef santacrocese Simone Rugiati, volto noto della tv, che arriverà a San Miniato in vista di un prossimo progetto imprenditoriale che riguarderà proprio la città della Rocca.

L’iniziativa, organizzata da Confcommercio Pisa in collaborazione con il comune di San Miniato e con la fondazione San Miniato Promozione, è pensata per valorizzare il territorio e i suoi prodotti, a partire proprio dal tartufo, promuovendo la città dal punto di vista turistico. “Perché non è solo una festa – ha detto il direttore di Confcommercio Pisa Federico Pieragnoli – ma un’occasione per far parlare di questo territorio”. All’interno di un format ormai consolidato, l’edizione di quest’anno si arricchirà di spettacoli, rappresentazioni e performance di artisti di strada all’insegna della danza, tema di questa sesta edizione. Il tutto accompagnato da installazioni aeree e giochi di luci, che anche quest’anno coloreranno le abitazioni del centro con proiezioni e immagini.

 

Per le strade della città ci sarà un susseguirsi di attrazioni, musica e allestimenti curati da Donato Galasso della Galasso Eventi: i loggiati di San Domenico faranno da cornice ad un’atmosfera tutta swing con la musica del Trio Scafroglia e la Tap dance di Ernesto Tacco, mentre strade, piazze e perfine le facciate dei palazzi saranno il palcoscenico per la danza verticale di “Nuvole e vento”, grazie alla danzatrice sanminiatese Loretta Morrone. Contemporaneamente, i Baradrom infuocheranno il palco di piazza del Popolo con la loro power gipsy. I figuranti in costume della Miosotys Dance Academy, invece, accoglieranno gli ospiti per poi esibirsi in uno spettacolo unico.
“Come per ogni edizione – spiega il direttore artistico Donato Galasso – l’idea di base sarà la trasformazione delle vie del centro con una serie di allestimenti temporanei che ne animeranno lo spazio concepito come contenitore di performance artistiche. Quest’anno, in particolare, un nuovo e originale allestimento luminoso si svilupperà attraverso l’uso di grandi alberi luminosi e lampadari inseriti in contesti inusuali”. A tutto questo si affiancherà poi l’intrattenimento per i bambini, con truccabimbi, palloncini e animazione. Le singole attività commerciali organizzeranno poi singoli eventi in vari punti della città: in piazza del Popolo, ad esempio, sarà allestita un’area food condivisa tra più locali sanminiatesi, dove sarà possibile assaggiare tre piatti rigorosamente a base di tartufo nero. Coinvolte nella festa anche la Misericordia e il movimento Shalom, che nello spazio della loggetta del Fondo e nell’Atelier di via IV Novembre organizzerà attività per promuovere i propri progetti.
Complessivamente, la Notte Nera coinvolgerà tutto il centro storico da Palazzo Grifoni fino al palazzo comunale, con inizio dalle 19 e ingresso libero. “Rispetto agli scorsi anni – annuncia Galasso – abbiamo implementato il servizio di bus navetta, quest’anno effettuato dal Ctt, con partenza da Fontevivo e dal parcheggio del cimitero di San Lorenzo.

Fondamentale, secondo l’assessore al turismo Giacomo Gozzini, il “rapporto sinergico che abbiamo creato con Confcommercio. Rapporto che ha permesso di coinvolgere anche altre associazioni, come Shalom. Ringrazio quindi Donato Galasso per la direzione artistica dell’evento”.
“L’economia di questo territorio in questi anni è cambiata – ha detto Giovanni Mori di Confcommercio San Miniato – e la Notte Nera è l’emblema di questo cambiamento”. “Il nostro obiettivo resta quello di promuovere il tartufo tutto l’anno – ha aggiunto Cesare Andrisano di San Miniato Promozione -, quindi siamo fieri di dare una mano ad un bellissimo evento come questo”. La manifestazione può contare sul sostegno di Enegan e della Cassa di Risparmio di San Miniato, “a dimostrazione di come il significato dell’espressione ‘banca del territorio’ sia qualcosa di reale”, ha detto il direttore della filiale di San Miniato Francesco Conforti. “Questo appuntamento serve per diffondere la cultura dell’ambiente e la sua conservazione – ha commentato il vicepresidente dell’Associazione tartufai Guidi Franchi – inserendo anche i ‘tartufi minori’ in un circuito di manifestazioni”.
Il sindaco Vittorio Gabbanini, ha annunciato che per l’occasione i poli museali del comune resteranno aperti eccezionalmente dalle 21 alle 23. “Abbiamo colto al volo la proposta di questa festa, nel 2011, perché rappresenta una manifestazione di qualità. È anche grazie ad eventi come questo che San Miniato, ormai, è tenuta in grande considerazione da tutti”. (g.p.)

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.