Chiedono soldi per l’Infiorata, la Pro Loco: ‘Non siamo noi’

Come spesso accade a Fucecchio in prossimità di eventi importanti, in città scatta l’allarme truffa. Stavolta è il turno dell’infiorata: ieri, infatti, persone che si spacciavano per organizzatori dell’evento hanno preso a girare per le strade del paese, chiedendo soldi per l’evento che ci sarà domenica.

Ovviamente la Pro Loco – che organizza l’infiorata del Corpus Domini – ha precisato che nessuno va casa per casa a chiedere i soldi:”Ci comunicano – scrive la Pro Loco sul proprio profilo Facebook – che qualcuno va casa per casa a chiedere soldi per l’ Infiorata. Precisiamo che nessuno di noi va a chiedere soldi a casa, fate attenzione”. Dalla Pro Loco hanno poi spiegato che è la prima volta che qualcuno va in giro a chiedere soldi porta a porta per l’infiorata; a differenza di quanto succede di frequente col Palio. O coi vigili urbani, la cui fantomatica rivista (che non esiste) è stata sfruttata molte volte per provare a spillare soldi ai commercianti. (m.s.)

Leggi anche: Truffa ai danni de La Calamita: “Chiedono soldi per conto nostro”

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.