Quantcast

Truffe, da San Miniato l’appello delle forze dell’ordine

Dalle istituzioni e dalle forze dell’ordine arriva l’appello a strare sempre più attenti alle truffe dei falsi tecnici. E proprio per questo si è tenuto ieri a San Miniato un nuovo incontro organizzato d’intesa con il Comune di San Miniato unitamente ai rappresentanti delle forze di polizia, di società Acque, Enel e Associazione Bancaria Italiana. 

All’incontro che rientra nel progetto sviluppato dalla prefettura hanno partecipato numerosi cittadini più anziani ai quali sono stati forniti utili suggerimenti per evitare raggiri nei loro confronti da parte di finti addetti alle società di servizi, veri e propri professionisti dell’imbroglio che approfittando spesso della loro condizione di solitudine e carpendo la loro fiducia riescono entrare nelle case e usando le scuse più varie rubando anche ingenti somme.
Ma aldilà del danno materiale gravi sono anche le conseguenze psicologiche che gli anziani subiscono e che spesso li porta a non denunciare per la vergogna di essere stati raggirati, umiliati, e si colpevolizzano per essersi lasciati depredare dei loro risparmi ed oggetti cari.
Da tutti i rappresentanti delle Istituzioni, tenuto conto del periodo estivo nel quale il rischio aumenta, è stato rivolto un appello ad avere prudenza soprattutto quando si è avvicinati da persone non conosciute, a non far entrare estranei nelle case, e la raccomandazione affinché davanti al più piccolo sospetto, senza indugiare, vengano subito contattate le forze dell’ordine, il 113, il 112, il 117 e la polizia municipale.
Tutti i partecipanti delle istituzioni hanno offerto la loro piena collaborazione, ma soprattutto “l’amicizia delle istituzioni ” e la richiesta di fornire il massimo aiuto per contrastare questi reati particolarmente gravi perché perpetrati a danno di persone più vulnerabili.
Occorre rafforzare il partenariato istituzioni-cittadini contro le truffe, non lasciando mai soli gli anziani, in continua crescita, e creare una rete di protezione per cui chiunque, di fronte a situazioni sospette, chiami tempestivamente le forze dell’ordine.
Nella lotta infatti a questo tipo di reati la prevenzione, grazie alla collaborazione convinta e responsabile dei cittadini, diventa l’unica vera arma per impedirne il compimento e a rafforzare il senso di sicurezza di un territorio e il diritto a vivere la propria vita libera da paure.

 

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.