Cento milioni per Carismi, trattativa alle battute finali

Servirà prima di tutto un aumento di capitale, che nel caso della Cassa di Risparmio di San Miniato è stato fissato in 250milioni. A quel punto si provvederà all’acquisizione, per un importo che potrebbe oscillare tra i 100 e i 130 milioni.

Sarebbero ormai alle battute finali le trattative per l’acquisto delle Casse di risparmio di Rimini, Cesena e San Miniato da parte del Gruppo Credit Agricole Italia. L’esclusiva del gruppo francese scade sabato 15 luglio, anche se è possibile che venga concessa una proroga. Salvo clamorosi colpi dio scena, quindi, tutto lascia pensare che l’operazione possa andare in posto: dalle analisi fatte, infatti, non sarebbero emerse particolari criticità.
Secondo alcune indiscrezioni, l’acquisizione di Carismi (così come per la Casse di Rimini e Cesena) potrebbe avvenire tramite un fondo interbancario, che prima dovrebbe partecipare agli aumenti di capitale, stimati per la San Miniato in un massimo di 250 milioni.

 

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.