Quantcast

Un quadro per Jennifer, Elisa Muzzillo ricambia il premio foto

Il regalo è di quelli speciali. Un omaggio a Jennifer e alla sua famiglia, racchiuso nei colori e nelle linee di un esordio artistico avvenuto all’età di 17 anni. È il quadro che la giovane artista Elisa Muzzillo aveva portato con sé, ieri sera (20 luglio), durante la consegna del premio per i giovani talenti organizzato dall’associazione culturale Burrasca di colori e parole.

Un premio intitolato al ricordo di Jennifer, la 22enne di Montopoli scomparsa dopo una lunga malattia, consegnato ieri nel corso della serata “Versi sotto la torre” ospitata in piazza San Matteo. “Siamo emozionati – ha detto Italo Zingoni, membro dell’associazione – perché stasera consegniamo per il primo anno un riconoscimento pensato per Jennifer, per non dimenticarla”. L’associazione, infatti, aveva costituito un’apposita commissione che ha individuato in Elisa Muzzillo il profilo ideale per la prima edizione del premio. Ventiquattrenne, residente a Marti, la giovane artista ha già esposto le sue opere in Italia e all’estero, caratterizzandosi soprattutto per le sue figure femminili. Ed è con una di queste che Elisa ha voluto ricambiare il pensiero: “Non sono brava con le parole – ha detto dal palco – quindi ho pensato di regalare alla famiglia Bartoli questo quadro. Ci sono molto affezionata: è il primo della serie di figure femminile che realizzai quando avevo solo 17 anni”. Inevitabile la commozione del pubblico, soprattutto dopo le parole di Federica, sorella di Jennifer: “Nonostante la perdita della madre e la scomparsa della malattia a 15 anni – ha detto Federica – Jenny era una ragazza che non ha mai perso il sorriso. Amava la vita e voleva viverla a pieno. Io non posso che essere onorata per averla avuta coma compagna di viaggio. Sono felice che il premio sia andato a Elisa: una ragazza che con determinazione porta avanti il sogno di diventare un’artista di successo”. Alla consegna del premio, oltre al presidente dell’associazione Burrasca di colori e parole Giuseppe Nicosia, erano presenti anche il sindaco Giovanni Capecchi e l’assessore alla cultura Cristina Scali, che si sono complimentati con Elisa e con l’associazione per questa nuova iniziativa.

 

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.