Quantcast

La Polenta adotta il Cinghiale, nel menu di San Bartolomeo

L’obiettivo, intanto, è non far morire la tradizione, almeno quella culinaria e godereccia, in attesa di capire se ci saranno le condizioni per far ripartire la festa già dal 2018. Quest’anno, infatti, chi vorrà mangiare il cinghiale a Castelfranco dovrà aspettare la fine di settembre: non più in piazza Dalla Chiesa a partire dall’ultimo weekend d’agosto, ma in piazza Pavese alle spalle della contrada San Bartolomeo.

La dirigenza del quartiere rossoblu, infatti, ha deciso per quest’anno di inserire anche il cinghiale all’interno della tradizionale Sagra della Polenta in programma nei weekend del 16 e 17 e del 23 e 24 settembre, all’indomani della notizia della cancellazione, dopo 36 edizioni, della storica Sagra del Cinghiale (qui Estate a Castelfranco senza cinghiale: la sagra non si farà). “Già da alcune settimane avevamo parlato con i cinghialai e sapevamo di questa decisione – racconta la presidente di San Bartolomeo Silvia Valori –, così abbiamo deciso di inserire anche il cinghiale nel nostro menu, per non far morire completamente una tradizione che ormai fa parte del nostro paese. Allo stesso tempo ci stiamo organizzando anche per riproporre l’intrattenimento e la musica che da sempre hanno caratterizzato la Sagra del cinghiale. Non so come andrà a finire e se decideranno o meno di ripartire dal prossimo anno, ma essendo anche noi un’associazione paesana e consapevoli del lavoro volontario che c’è dietro a certe manifestazioni, ci è sembrato giusto mantenere almeno un po’ la tradizione”.
Nelle intenzioni dei cinghialai, infatti, per il futuro non è ancora detta l’ultima parola, ma la festa potrà ripartire solo con la collaborazione di una o più associazioni di Castelfranco, magari proprio le stesse contrade. “Per il prossimo anno vedremo – dice la presidente Valori -. Sono convinta che unendo le forze a Castelfranco si potrebbero fare tante cose”. (g.p.)

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.