Stagione al Verdi di S. Croce, in memoria di Pozzolini

Stagione teatrale al via a Santa Croce, con un cartellone che come sempre regala sorprese e piccoli gioielli di prosa, ma che quest’anno prima di tutto dedica una parte di sé alla memoria del comune e di chi l’ha reso grande. Ieri sera, 21 ottobre, infatti, la presentazione della stagione 2017/2018 è stata l’occasione per l’amministrazione, per il direttore artistico Renzo Boldrini eper Don Backy, reduce dall’inaugurazione della rotatoria dedicata all’immensità di poche ore prima (leggi) di ricordare la figura di Alberto Pozzolini, al quale è stato dedicato il nuovo palcoscenico recentemente ristrutturato.

 “Non potevamo iniziare la stagione teatrale senza dedicare a lui un pensiero di tutto cuore” ha detto la sindaca Giulia Deidda. “E’ starto una persona straordinaria, un uomo di cultura, animatore cultiurale di caratura nazionale, intelletuale, ma anche persona molto umile: un’insegnante. D’ora in avanti questo palco dove tanti anni fa mosse i primi passi ce lo ricorderà”. Il resto è cronaca di una serata dove il cartellone si è dispiegato in tutta la sua offerta, a cominciare dalla prosa, che tra Gene Gnocchi (20 aprile) e Lella Costa (8 novembre), Francesco Pannofino e Bergonzoni, Asia Argento e Andrea Zorzi (l’ex pallavolista della nazionale), terrà compagnia al comprensorio fino all’anno prossimo inoltrato, senza rinunciare agli spettacoli dedicati alle giovani generazioni, ai laboratori e alle matinée per le scuole, in particolare con le rassegne Il baule dei sogni e Stasera pago io.
Le attività di programmazione, produzione, formazione e convegnistica sono sostenute dal comune di Santa Croce sull’Arno, con il supporto della Regione Toscana nell’ambito del progetto di Residenza della compagnia Giallo Mare Minimal Teatro, che con Fondazione Toscana Spettacolo onlus contribuisce anche alla programmazione dei cartelloni della stagione di prosa, de Il baule dei sogni e Stasera Pago io.

Stagione di teatro, stagione di lavori: investimenti per il tetto

Stagione teatrale, ma non solo. La presentazione del cartellone è infatti servita venerdì sera per presentare anche l’avvio dell’iter per l’affidamento dei lavori da anni attesi sulla struttura, dove da un paio d’anni le condizioni del tetto hanno costretto l’amministrazione a transennare la strada che corre sul fianco sinistro dell’edificio. “Non è possibile andare avanti sviluppando un tale livello di offerta e qualità dell’attività teatrale senza una cura del contenitore che le ospita – ha dichiarato la sindaca Deidda. – Proprio per questo siamo finalmente giunti al momento di dare il via ai lavori, con un investimento di circa 130mila euro”. In base al cronoprogramma degli uffici l’affidamento dei lavori è previsto entro alcune settimane. I lavori prevedono lo smontaggio complessivo delle tegole e dei coppi in laterizio, per poi procedere all’installazione di un pannello termoisolante, all’impermeabilizzazione della struttura con un’apposita membrana e quindi al rimontaggio della copertura. Nella stessa occasione saranno anche sostituiti i canali di gronda e ripristinati alcuni tratti di intonaco. All’interno dell’edificio, invece, si procederà alla sostituzione di travicelli e mezzane deteriorati dalle infiltrazioni d’acqua, insieme al rifacimento dei servizi igienici e al loro adeguamento per i portatori di handicap.

La stagione di prosa
Nove spettacoli per un cartellone di grande qualità: si comincia mercoledì 8 novembre con La Traviata-L’intelligenza del cuore una rilettura affascinante, sagace e ironica dell’opera di Giuseppe Verdi, proprio come il carattere della sua interprete, Lella Costa.Domenica 19 novembre tre grandissime attrici Lucia Poli, Milena Vukotic e Marilù Prati sono le Sorelle Materassi nell’adattamento di Ugo Chiti e la regia di Geppy Gleijeses. Venerdì 1 dicembre Emilio Solfrizzi è Il borghese gentiluomo di Molière, modello esemplare e imprescindibile del nuovo ricco, dell’arrampicatore sociale, dell’ambizioso che pretende di comprare, col denaro, quei meriti e quei titoli di cui è irrevocabilmente privo. Il divo di Gomorra Marco D’Amore si cimenta come attore e regista in American Buffalo di David Mamet, con la traduzione di Luca Barbareschi e l’adattamento di Maurizio de Giovanni, che intelligentemente trasporta l’intera vicenda nella Napoli contemporanea, dove, i “junk shop” si chiamano “puteche” e ospitano un’umanità al limite degna di certi capolavori di De Filippo. In programma mercoledì 13 dicembre. Il 2018, martedì 9 gennaio, inizia con un classico di Arthur Schnitzler La signorina Else con Lucrezia Guidone e Martino D’Amico e la regia di Federico Tiezzi. Giovedì 18 gennaio Francesco Pannofino e Emanuela Rossi in scena con Bukurosh, mio nipote una nuova commedia, autonoma ma anche sequel ideale dello straordinario successo I suoceri albanesi che registrò una tournée di 200 repliche in tutta Italia.
Venerdì 9 febbraio, ispirato all’omonimo libro di Andrea Camilleri, arriva Il casellante uno spettacolo dove si ride e ci si commuove, si canta e si fa musica dal vivo. La compagnia capitanata da Moni Ovadia, Valeria Contadino e Mario Incudine narra una vicenda metaforica che giuoca sulla parola, sulla musica e sull’immagine. Mercoledì 28 febbraio in programma il nuovo spettacolo dell’istrionico Alessandro Bergonzon; mentre mercoledì 14 marzo gran finale con Rosalind Franklin- Il segreto della vita di Anna Ziegler con Asia Argento e Filippo Dini, che ne cura anche la regia. Debutto in teatro di Argento che veste i panni della scienziata britannica che per prima fotografò la doppia elica del Dna. La pièce racconta gli anni cruciali della vita della Franklin, quando riuscì a immortalare in modo più nitido la struttura del Dna grazie alla celebre fotografia 51.

Primo tempo

La rassegna Primo tempo dedicata alle nuove generazioni, prevede tre appuntamenti serali che attraversano vari generi e esperienze. La programmazione in serale ed in matinèe per le secondarie superiori è basata su proposte che da un lato si muovono sulla comicità d’autore ed il rapporto fra scena e sport e dall’altro su titoli della grande tradizione teatrale e letteraria visti con l’occhio del contemporaneo. Il primo appuntamento in serale è venerdì 23 febbraio con Andrea Zorzi, mito della recente storia della pallavolo italiana, che grazie all’incontro con la compagnia teatrale fiorentina Teatri d’Imbarco diventa l’attore protagonista de La leggenda del pallavolista volante. Accanto a lui Beatrice Visibelli, che con ironia e divertimento incarna gioiosamente i personaggi che hanno accompagnato Zorzi fin dall’infanzia. Venerdì 20 aprile arriva Gene Gnocchi, anche lui un atleta, un calciatore professionista che ha per alcuni anni militato nei campi del campionato della serie C, prima di iniziare una lunga carriera spesa tra teatro, cinema e televisione. Calca la prima volta il palcoscenico a Santa Croce sull’Arno con il suo ultimo spettacolo Il procacciatore nel quale l’attore piemontese mostra la sua personalissima verve comica.
Il terzo appuntamento con il cartellone serale di Primo tempo, è con le produzioni dal laboratorio teatrale per giovani ed adulti Achab che permette ai cittadini di ogni età di sperimentare il fare teatro affiancati da professionisti di varie discipline dei linguaggi della scena.

Il Baule dei sogni
Sono trentadue gli anni di attività per Il Baule dei sogni, una delle proposte di teatro per le nuove generazioni più importanti del panorama teatrale regionale e nazionale, al quale partecipano compagnie selezionate nel panorama professionale più qualificato del teatro per le nuove generazioni. Molti i linguaggi ed i segni drammaturgici che caratterizzano i titoli in cartellone, dal teatro contaminato dai linguaggi multimediali e dalla musica, a quello di parola, al teatro di figura. Il Baule dei sogni prevede trentaquattro spettacoli tra quelli rivolti alle scuole, in orario mattutino, e quelli della domenica a Santa Croce e il sabato a Santa Maria a Monte, in orario pomeridiano. La rassegna è promossa dai comuni di Castelfranco, Montopoli V.no, San Miniato, Santa Croce sull’ Arno (comune capofila) e di Santa Maria a Monte, Fondazione Toscana Spettacolo onlus, che condivide la direzione artistica con Giallo Mare Minimal Teatro.

Stasera pago io!
Ottava edizione dell’originale rassegna dedicata alle famiglie Stasera pago io! che ha vissuto grandissimi successi grazie alla formula del fantassegno (denaro virtuale che non comporta nessuna spesa. La formula prevede che il solo pubblico pagante siano i bambini, che con un biglietto da 5 euro portano a teatro i propri familiari, i quali muniti di fantassegno possono entrare gratis e godere dello spettacolo. Il progetto, pensato e strutturato da Fondazione Toscana Spettacolo onlus in collaborazione con Giallo Mare Minimal Teatro, mira a coinvolgere i bambini, le scuole e le famiglie, affinché il teatro sia vissuto non come un’occasione speciale, ma come una necessità, una buona abitudine per tutti. Stasera pago io! propone quattro spettacoli in orario serale (ore 21): venerdì 3 novembre Mignolina; venerdì 10 novembre Pi…Pi…Pinocchio; venerdì 17 novembre La regna delle nevi; venerdì 24 novembre La fiaba della principessa Turandot.

La formazione
Giallo Mare Minimal Teatro è un’agenzia formativa accreditata presso la Regione Toscana; da anni, esperti professionisti della scena operano sul territorio per formare nuovi attori. Al Teatro Verdi, da venti anni, è attivo il laboratorio teatrale Achab, che si rivolge a giovani e adulti e utilizza il linguaggio teatrale come strumento di conoscenza delle proprie capacità comunicative e relazionali. Gli incontri di presentazione dei laboratori sono previsti martedì 21 novembre: alle 16.30 per i ragazzi e alle 21.00 per gli adulti, presso il Teatro Verdi.

Progetti speciali

Sono molte e differenziate le azioni di promozione realizzate, anche in questa stagione, dal Teatro Verdi Santa Croce sul mondo è fra queste. Un percorso di largo respiro che coinvolge per tre anni una classe pilota della scuola primaria. Un’azione che raccoglie il testimone del percorso Nostalgia del futuro, realizzato grazie all’interazione operativa fra Teatro Verdi, biblioteca Adrio Puccini ed il centro polivalente Villa Pacchiani. Nostalgia del futuro ha coinvolto fra il 2012 ed il 2014 alcune classi della scuola primaria, utilizzando alcune parole chiave come uguaglianza, ponte, muro, un orizzonte tematico intorno al quale si è organizzato un laboratorio interdisciplinare che ha messo creativamente a confronto i bambini coinvolti con artisti visivi, storici dell’arte, videomaker, scrittori, operatori teatrali. Si è quindi sperimentato un originale modello d’intervento educativo, teorico e pratico, legato alla conoscenza ed utilizzo delle arti come strumenti di conoscenza e scambio di segni provenienti da differenti identità culturali. Su queste basi, in questa stagione, si attiverà il terzo e ultimo anno del percorso Santa Croce sul mondo con la classe quinta della scuola primaria Pascoli di Santa Croce sull’Arno, che svilupperà il percorso di ascolto e creazione sui temi progettuali iniziato lo scorso anno in collaborazione con operatori e di differenti discipline artistiche. A fine laboratorio la classe presenterà a teatro il lavoro, frutto della compenetrazione delle discipline coinvolte nel progetto.

Timing abbonamenti e prezzi

Oggi inizia la campagna abbonamenti con prelazione dei vecchi abbonati con queste modalità: oggi, sabato 21 ottobre, apertura della cassa del teatro dalle 10.00 alle 13.00; da lunedì 23 a giovedì 26 ottobre orario 10-13 e 17-19. Per i nuovi abbonamenti sabato 28 ottobre dalle 10.00 alle 13.00; lunedì 30 e martedì 31 ottobre orario 10-13 e 17-19. I biglietti di qualsiasi spettacolo potranno essere acquistati, dal 4 novembre, nei punti vendita del circuito regionale Box Office. I biglietti ancora disponibili saranno messi in vendita il giorno dello spettacolo presso il Teatro Verdi in orario 17-19 e dalle 20.30 fino a inizio spettacolo. I prezzi sono rimasti invariati rispetto alla scorsa stagione: abbonamento intero € 140; ridotto € 120; per i biglietti per la prosa platea e palchi 1° e 2° ordine intero € 20 ridotti € 16, palchi 3° ordine; intero € 15 ridotti € 12. I biglietti per la rassegna Primo tempo posto unico € 10; Primo Tempo speciale medie superiori posto unico €6, con trasporto € 10; si possono acquistare i biglietti telefonando dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 14.30 alle 18 allo 0571/81629 o il giorno dello spettacolo presso la biglietteria del teatro dalle 17 alle 19 e dalle 20.45 fino all’inizio dello spettacolo. Per Stasera pago io! posto unico per i bambini 5 €; adulti ingresso gratuito dietro la presentazione di un fantassegno (denaro virtuale che non comporta nessuna spesa). I fantassegni vengono conquistati dai bambini durante le animazioni nei centri commerciali Coop o a scuola nelle classi che hanno aderito al progetto. Ogni mercoledì precedente lo spettacolo, prevendita presso la biglietteria del Teatro dalle ore 16.30 alle 19.00. Per il Il Baule dei Sogni adulti 4.50€, bambini 3.00 €. Previste riduzioni per under 26 e over 65 anni, a portatori di handicap o a soggetti con invalidità riconosciute, per soci Arci, Acli, Endas, Fenalc e Agesci e per possessori di Carta Giovani. Per i soci Coop è prevista l’applicazione della riduzione del costo del biglietto limitatamente ai posti del 3° ordine.

Per informazioni comune di Santa Croce 0571/389953 – tel. 0571/30642 – www.comune.santacroce.pi.it; Giallo Mare Minimal Teatro 0571 81629 – info@giallomare.it; Teatro Comunale Verdi di Santa Croce sull’Arno tel. 0571/33267, box office Coop Santa Croce sull’Arno tel. 0571/365599 e Coop Santa Maria a Monte tel. 0587/704499.

 

Nilo Di Modica

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.