Quantcast

Francigena e Romea, i pellegrini si incontrano a Fucecchio

Nel contesto della riscoperta del pellegrinaggio come strumento di ricerca interiore e di fede, sabato 28 ottobre al teatro Pacini di Fucecchio l’associazione italiana Cavalieri del tau onlus, la Confraternita storica compagnia degli insigniti cavalieri del tau o di San Jacopo d’Altopascio e il comune di Fucecchio organizzano un convegno dal titolo: Francigena e Romea: antiche vie di comunicazione e di pellegrinaggio si incontrano a Fucecchio.

“Abbiamo fornito il nostro patrocinio e condiviso i temi con le associazioni che organizzano questo evento – spiega l’assessore alla cultura e al turismo Daniele Cei – perché vogliamo mettere in evidenza, oggi come allora, la centralità di Fucecchio come crocevia delle antiche vie di pellegrinaggio e cogliere le nuove opportunità legate a questo tipo di turismo. La nostra amministrazione comunale ha compiuto importanti passi in avanti in questo senso: siamo uno dei quattro comuni toscani capofila per quanto riguarda il progetto regionale di sviluppo della via Francigena e, allo stesso tempo, siamo comune capofila anche per quanto riguarda la Romea Strata. Ultimamente siamo stati inseriti, come punto di partenza, anche nel nuovo itinerario della vie etrusche promosse dalla Città Metropolitana di Firenze. Per il comune di Fucecchio, quindi, si tratta di un impegno a trecentosessanta gradi. Tra l’altro per quanto riguarda le iniziative lungo le vie di pellegrinaggio sono in arrivo anche interessantissime novità legate al Natale e alla tradizione dei presepi”.

 

Il convegno inizierà alle 10,30 e, dopo i saluti del sindaco di Fucecchio Alessio Spinelli e del presidente dell’associazione italiana Cavalieri del tau Onlus Antonio Martini, entrerà nel vivo con la relazione di Monsignor Andrea Migliavacca, vescovo di San Miniato, e gli interventi del professor Raffaello Cecchetti (Le vie romee e la discesa a Roma degli imperatori per l’incoronazione), del presidente della fondazione Montanelli Bassi professor Alberto Malvolti (Via d’acqua e di terra nel territorio fucecchiese fra i secoli XI e XIV), delle professoresse Veronica Marianelli (La via Francigena del mare) e Isabella Gagliardi (Strade e culti della società medievale).
Dopo la pausa delle 13, i lavori riprenderanno alle 14,30 con gli interventi dell’architetto Nedo Ferrari (La Romea Strata: il tratto longobardo tosco-emiliano da Nonantola alla congiunzione con la Francigena di Fucecchio), di Davide Trentacoste (La viabilità toscana nell’alto medioevo), dei professori Sandro Danesi (Il ruolo della valorizzazione degli antichi tracciati: modelli e buone pratiche) e Massimo Tosi (La via Francigena in Toscana da Pontremoli a Abbadia S. Salvatore). A chiudere Fabrizio Mandolini (Nuove forme di pellegrinaggio. Alla ricerca dei presepi lungo la via Francigena e le vie romee), coordinatore di Terre di Presepi: durante il periodo natalizio queste strade saranno infatti attraversate dall’iniziativa “Terre di presepi – presepi lungo la via Francigena”.
Le conclusioni saranno affidate a Alessandro Valiani, Gran cancelliere della Storica compagnia degli insigniti cavalieri del tau o di San Jacopo d’Altopascio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.