Quantcast

Castelfranchesi su Fb sotto la lente in una tesi da lode foto

C’era una volta la piazza. Che oggi c’è ancora, ma si dice sia virtuale. Più che una piazza, però, Facebook somiglia a un’autostrada, dove c’è chi non si conosce ma si insulta o si incrocia appena. Chi passa senza guardare troppo e chi si sorride a vicenda. In un modo che, alla fine, è reale lo stesso. Per raccontare i castelfranchesi – anche gli altri, però – su Facebook servirebbe un libro, viene a volte da dire.

A Daria Gambini è servita una tesi, la sua, che ha messo il sigillo su un percorso di studi da 110 e lode. Laureata in Scienze umanistiche per la comunicazione a Firenze, Daria ha trascorso l’ultimo periodo della sua carriera universitaria a ragionare sul Ruolo dei gruppi Facebook di Castelfranco di Sotto, mettendo a confronto il centro storico con le sue “autostrade informatiche”. I due gruppi Fb: il veterano Sei di Castelfranco di Sotto se e Castelfranco si Castelfranco no. Sarebbe un piacere leggere le conclusioni, ma nel frattempo alla neo dottoressa di Castelfranco, vanno le congratulazioni per il traguardo.
E chissà che da questo articolo postato nei gruppi, non nasca un sequel… (E.ven)

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.